Cronaca | News

Guerra Russia-Ucraina: allarme cyber attacchi

27 Aprile 2022
Guerra Russia-Ucraina: allarme cyber attacchi

Complotti criminali per attacchi alle infrastrutture: gli Stati Uniti offrono fino a 10 milioni di dollari per informazioni sui Gru.

Mentre continuano a rinnovare l’allarme per possibili cyber attacchi da parte della Russia come rappresaglia per il sostegno all’Ucraina, gli Stati Uniti offrono fino a 10 milioni di dollari per informazioni «che possano portare all’identificazione o localizzazione di persone che, agendo sotto la direzione o il controllo di un governo straniero, partecipano a cyber attacchi contro infrastrutture critiche americane». E’ quanto si legge in una nota diffusa nella notte dal dipartimento di Stato, che precisa che si stanno cercando informazioni in particolare su sei ufficiali dei servizi di intelligence militari russi (Gru) per «il loro ruolo in complotti criminali per attacchi alle infrastrutture Usa».

I sei lavorano nell’unità 74455 del Gru, nota ai ricercatori di cybersecurity con diversi nomi, Sandworm Team, Telebots, Voodoo Bear, e Iron Viking. La loro attività viene descritta come tesa a “sviluppare malware distruttivi per azioni tese a vantaggi strategici per la Russia attraverso l’accesso non autorizzato ai computer presi di mira”. Il gruppo viene considerato responsabile dello sviluppo nel giugno del 2017 del malware, noto come NotPetya, che ha colpito computer degli Stati Uniti e di tutto il mondo.

In particolare, ricorda ancora il dipartimento di Stato, questo attacco danneggiò le reti di ospedali ed altri centri medici in Pennsylvania, una grande industria farmaceutica ed altre strutture private, per un totale di quasi un miliardo di danni. Nell’ottobre del 2020 i sei russi – Yuriy Sergeyevich Andrienko, Pavel Valeryevich Frolov, Anatoliy Sergeyevich Kovalev, Artem Valeryevich Ochichenko e Petr Nikolayevich Pliskin -sono stati incriminati per una serie di reati informatici.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube