Cronaca | News

Armi pesanti all’Ucraina: Berlino dà il via libera

28 Aprile 2022 | Autore:
Armi pesanti all’Ucraina: Berlino dà il via libera

Il Parlamento tedesco consegnerà gli equipaggiamenti necessari includendo armi pesanti e sistemi complessi.

Fino a qualche giorno fa, il cancelliere socialdemocratico Olaf Scholz è riuscito ad aggirare la richiesta pressante di fornire direttamente armi pesanti a Kiev per contrastare l’avanzata russa. Una richiesta arrivata, sin dall’inizio della guerra, dall’Ucraina, dai partner europei e americani, dalla sua stessa maggioranza, nonché dall’opinione pubblica. Il cancelliere tedesco avrebbe preferito concedere dei finanziamenti al presidente Volodymyr Zelensky per l’acquisto di armi nelle fabbriche tedesche. Ma ora si assiste ad un cambio di direzione: il Parlamento tedesco ha dato il via libera alla consegna di armi pesanti all’Ucraina.

Come riporta l’agenzia di stampa Adnkronos, la mozione congiunta presentata dal governo e dall’opposizione ha ottenuto al Bundestag 586 voti a favore, mentre in 100 hanno votato contro e sette si sono astenuti. Nel testo, i deputati chiedono che «si continui e, nella misura del possibile, si acceleri la consegna degli equipaggiamenti necessari all’Ucraina, ampliando anche la consegna per includere armi pesanti e sistemi complessi».

Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha dichiarato che le armi che i Paesi occidentali forniscono all’Ucraina rappresentano una minaccia per la sicurezza dell’intero continente europeo: «Di per sé la tendenza a fornire armi, comprese quelle pesanti, all’Ucraina e ad altri Paesi è un’azione che minaccia la sicurezza del continente e provoca instabilità».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube