Diritto e Fisco | Articoli

Cognome dei due genitori: come funziona?

28 Aprile 2022
Cognome dei due genitori: come funziona?

Dopo la decisione della Consulta, che cosa cambia nella pratica? Che succederà con le prossime generazioni? E la sentenza è retroattiva?

La Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la norma che, ai figli nati da un matrimonio o da una coppia di fatto, attribuisce in automatico il cognome paterno. Ora il figlio assumerà il cognome dei due genitori. Come funziona questo sistema? In quale ordine devono essere attribuiti? Ed è vero che, con il passare delle generazioni, i nostri nipoti, bisnipoti, ecc. si ritroveranno con un cumulo di cognomi che non ci potranno mai stare nella carta d’identità? Non sarà proprio così.

Doppio cognome: come viene attribuito?

Dunque, ora ai bambini deve essere dato alla nascita il cognome del padre e il cognome della madre. Saranno i genitori a stabilire in quale ordine, se prima quello di papà e poi quello di mamma o viceversa.

Così, ad esempio, un figlio nato da Mario Rossi e Giovanna Bianchi potrà chiamarsi Matteo Rossi-Bianchi o Matteo Bianchi-Rossi. E se l’accordo sull’ordine manca sarà il giudice a decidere.

I figli saranno quindi registrati all’anagrafe con i due cognomi, salvo diversa richiesta dei genitori.

I genitori potrebbero anche decidere – dice la Corte costituzionale – di dare al figlio solo il cognome della madre o solo quello del padre, com’è stato fino ad oggi. Insomma, così come il nome, anche il cognome lo decideranno i genitori, con l’unico limite di non poter inventare un cognome a proprio piacimento.

Doppio cognome: che succederà alle prossime generazioni?

Questo il punto di non ritorno segnato dalla Consulta. E da qui il Parlamento dovrà partire per regolare alcuni aspetti e sciogliere dei nodi, come quello relativo alla possibilità, per i cognomi composti, di utilizzare solo una parte o la trasmissione dell’intero cognome alla generazione successiva.

Facciamo un esempio. Il primo problema si pone per le seconde generazioni. Per tornare all’esempio di prima, il figlio Matteo Rossi-Bianchi un giorno sposerà una ragazza dal nome Lucia Greco-Russo. Come si chiamerà loro figlio? Non possiamo pensare che debba portare addirittura quattro cognomi, ossia Edoardo Rossi-Bianchi-Greco-Russo. E poi il figlio di quest’ultimo che farà? Otto cognomi? La soluzione, come detto, dovrà prenderla il Parlamento.

Ma abbiamo già qualche esempio in Europa. In Spagna i figli dei figli prendono solo il primo dei cognomi dei genitori. In pratica, si taglia il secondo.

Restiamo nell’esempio di Matteo Rossi-Bianchi che sposa Lucia Greco-Russo. Loro figlio in Spagna si chiamerà non già Edoardo Rossi-Bianchi-Greco-Russo ma Edoardo Rossi-Greco. Cioè prenderà il primo cognome di entrambi i genitori. Oppure quello che vorrà. Questo è l’esempio spagnolo. Vedremo il nostro Parlamento che deciderà.

Doppio cognome: la sentenza della Consulta è retroattiva?

Poi si pone un secondo problema. Le sentenze della Corte costituzionale hanno tutte valore retroattivo. E questo perché dichiarando una norma illegittima è come se questa non fosse mai esistita. Quindi, volendo essere puntigliosi, chiunque oggi dovrebbe automaticamente portare il cognome di entrambi i genitori.

E poi che fine farebbero le attuali carte d’identità? E immaginate chi ha concluso un mutuo con un vecchio cognome che ora non esiste più. O chi ha fatto le medie con un cognome e ora si trova a iscriversi a un liceo, senza avere il certificato, con quel nuovo cognome, di conseguimento del relativo certificato di esami. Insomma, proprio perché tutto questo è inverosimile, è ipotizzabile che questa volta la sentenza della Corte costituzionale non avrà valore retroattivo.

Doppio cognome: le motivazioni della Consulta

Veniamo alle motivazioni. Perché la Corte costituzionale ha dichiarato illegittime le norme che attribuivano ai figli il cognome paterno? Semplice: era in contrasto con il principio di uguaglianza e con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo perché comportavano discriminazioni fondate sul sesso.

A guidare la Consulta, il principio di uguaglianza e quello dell’interesse del figlio, secondo il quale i genitori devono poter condividere la scelta del cognome come elemento fondamentale dell’identità personale. La dichiarazione di illegittimità riguarda sia i figli nati nel matrimonio che fuori e i figli adottivi.

Che succederà ora? Che tutti i bambini che nascono da oggi in poi avranno il cognome, anche doppio, che decideranno i genitori. Ma nel frattempo è iniziato al Senato l’iter per unificare cinque diversi disegni di legge in un testo unico.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ho già 2 cognomi. Se scegliessimo di trasmettere i cognomi di entrambi i genitori, mio figlio avrebbe 3 cognomi? Inoltre, è possibile trasmettere solo uno dei miei 2 cognomi?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube