Diritto e Fisco | Articoli

Testamento: dove può essere scritto?

2 Maggio 2022
Testamento: dove può essere scritto?

Mezzi di scrittura del testamento olografo: si può scrivere un testamento al computer? Validità di un testamento su supporti diversi dal foglio di carta. 

Ha fatto storia una sentenza – spesso riportata sui libri di diritto privato – che ha ritenuto valido un testamento scritto su di un muro da una persona in fin di vita che, evidentemente, non aveva la possibilità di alzarsi da terra. Secondo i giudici, infatti, poiché la legge non specifica su quale supporto debba essere redatto il testamento, esso sarebbe comunque valido indipendentemente dallo strumento utilizzato, a condizione però che sia «olografo», ossia realizzato direttamente dalla mano del testatore. 

Di qui una domanda ricorrente: dove può essere scritto un testamento? Ecco alcune importanti informazioni che è bene sapere in merito.

Cos’è il testamento olografo?

Come abbiamo più volte spiegato in queste stesse pagine, esistono tre forme di testamento:

  • il testamento olografo, quello scritto autonomamente dal suo autore;
  • il testamento pubblico, quello scritto dal notaio su dettatura del suo autore;
  • il testamento segreto, quello scritto dal suo autore o da terzi e poi consegnato al notaio.

Il testamento olografo è certamente quello più frequente perché informale e privo di costi. Ma è anche quello meno sicuro visto che può essere facilmente alterato, falsificato, contestato o distrutto.

Tutto ciò che la legge chiede per poter fare un testamento olografo è che esso sia redatto a mano dal suo autore, sia firmato e datato. Il suo testo deve essere comprensibile, non essendo necessarie specifiche formule o criteri di redazione.

I mezzi di scrittura del testamento olografo

L’esperienza comune dimostra come il supporto per eccellenza su cui il testamento olografo viene scritto è la carta. Tuttavia, se si esamina l’articolo 602 del Codice civile, che appunto disciplina il testamento olografo, è facile notare come la legge si limiti a richiedere genericamente il requisito della scrittura, ma senza prevedere necessariamente la carta quale strumento obbligatorio sul quale redigere il testamento. 

Il termine «carta» è menzionato solo nell’articolo 605 del Codice civile, relativo al testamento segreto, e all’articolo 620, relativo alla pubblicazione del testamento olografo. 

In considerazione di ciò, si ritiene pertanto che debbano essere considerati ammissibili anche supporti alternativi alla carta quali ad esempio: una tavola di legno, un metallo, la pergamena, una tela, una pietra, il muro e, addirittura, una lavagna. 

Più genericamente – ha detto la Cassazione [1] – il testamento olografo può essere redatto su carta o su altra materia analoga o diversa che abbia comunque l’idoneità sufficiente a fissare e a conservare la grafia. 

Tutto ciò che è richiesto quindi per aversi testamento olografo è: 

  • la grafia del testatore, da inizio a fine del foglio (non è possibile, ad esempio, delegare un’altra persona a scrivere su dettatura e poi limitarsi a firmare alla fine);
  • la data (sempre riportata a mano, ad opera del testatore);
  • la firma.

Non è quindi da ritenersi proibita l’iscrizione del testamento su qualsiasi oggetto materiale, non sussistendo alcun motivo per escludere una parete o un pavimento, anche un foglio di carta igienica o un fazzoletto di carta per il naso. 

L’articolo 620 che richiede la carta si riferisce alla sua pubblicazione, che è un momento diverso dalla redazione. La pubblicazione – lo ricordiamo – avviene ad opera del notaio su un documento (appunto di carta) che diventa atto pubblico proprio perché redatto da un pubblico ufficiale. 

Potrebbe però succedere che la pubblicazione non sia possibile quando il testamento olografo, per impossibilità materiale, non possa essere portato dal notaio (si pensi appunto al testamento redatto su una parete). In tal caso, sarà sempre possibile il deposito di una copia fotografica o della sentenza che accerti l’esistenza e la validità del testamento. 

Dove non si può scrivere il testamento?

Il testamento non può essere scritto al computer, neanche se poi stampato e firmato, tantomeno quindi se conservato in un file e archiviato o spedito a un terzo soggetto. Non importa se il file contenga la firma digitale o se la spedizione avvenga con Pec. Questo perché, come detto, la legge non è mai stata aggiornata e, ad oggi, il testamento olografo può essere fatto solo con la scrittura a mano, indipendentemente se a penna o a matita.

Non è neanche valido il testamento fatto verbalmente, con una registrazione video. Colui che si pone dinanzi a una telecamera e manifesti le sue ultime volontà registrandole su di un file non sta realizzando un testamento valido. Sicché, la sua eredità sarà in tal caso divisa secondo le regole del Codice civile che si applicano in assenza di un testamento. 

Il testamento potrebbe essere redatto anche in forma di lettera inviata a un’altra persona purché, come anticipato, si tratti di una lettera scritta a mano e non al computer. 

Il testamento a voce ha valore?

Spesso, succede che un genitore anziano riveli ai figli quali siano le sue ultime volontà e chieda loro di distribuire il patrimonio in un determinato modo. Anche questa forma di testamento non ha alcun valore, se non morale per chi è legato ai rapporti familiari. Il che significa che non è possibile far valere un testamento orale in un’aula di tribunale. 


note

[1] Cass. sent. n. 2100/1953.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube