Diritto e Fisco | Articoli

Chi è rimasto contumace in primo grado si può costituire in appello

26 Settembre 2014
Chi è rimasto contumace in primo grado si può costituire in appello

Mi è stata notificata una sentenza di primo grado nel cui giudizio non mi sono mai voluto costituire, rimanendo contumace; poiché il giudice mi ha dato torto, posso proporre appello, anche se in primo grado mi sono disinteressato della cosa?

La parte rimasta contumace (appunto, il cosiddetto contumace), nell’ambito del giudizio di primo grado, può sempre proporre impugnazione contro la sentenza che la vede soccombente.

I termini entro cui proporre appello sono di:

trenta giorni dalla notifica della sentenza;

– oppure, se la controparte non ha mai notificato la sentenza al soccombente, sei mesi dal giorno della sua pubblicazione (ossia il deposito in cancelleria, che risulta indicato alla fine dell’atto).

Tuttavia il gioco non è affatto facile. Perché chi è rimasto contumace in primo grado e poi propone appello trova le stesse preclusioni previste dalle regole generali per chiunque altro. In pratica, egli non può sollevare né eccezioni non rilevabili dal giudice, né può richiedere prove nuove che non siano state sollevate o richieste in primo grado. Vien da sé che, non avendo svolto difese durante il primo giudizio, tutto ciò che l’ex contumace potrà fare in appello è contestare la non corretta interpretazione dei fatti da parte del giudice di primo grado. Ma non potrà, per esempio, sollevare questioni come la prescrizione, il difetto di competenza territoriale, la compensazione con un proprio credito, ecc.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. sono stato condannato contumace perche il mio avvocato non si presentava in mia difasa in una causa di alimenti cui io non devo dare in cuanto la figlia che a mia ex moglie non e mia ma la avuta col suo nuovo marito . il mio avvocato mi a preso in giro posso denunciarlo e dove grazie

  2. Risiedo all estero ( Filippine) da circa otto anni a gennaio 2016 si e conclusa udienza per espropriazione presso tezi (INPS) PER 1/5 della mia pensione ed il sottoscrito mai avvisato ne informato e stato dichiarato “Contumace” nonostante INPS (BRESCIA) FOSSE A CONOSCENZA DA ANNI DI DOVE RISIEDEVO CON INRIRIZZO, NUMERO TELEFONICO E EMAIL.. ..NESSUNA CITAZIONE E A TUTTO OGGI NESSUNA NOTIFICAZIONE UFFICIALE MI E OPERVENUTA . CHIEDO SE POSSO OPPORMI E RICORRERE E DIFENDERMI DA UN PROCESSO CELEBRATO IN MIA TOTALE ASSENZA E INSAPUTA DOVE ESISTONO TUTTI I PRESUPPOSTI PER PER PROVARE CHE LA CONTROPARTE ( UNA AZIENDA DI CREDITO) MI HA IMPOSTO TASSI SPESE E CONDIZIONI A DIRE IL ;POCO ANATOCISTICHE SE NON ATTIRITTURA DI USURA.TUTTO CIO TENUTO ALLOSCURO DAL GIUDICE CHE OVVIAMENTE IN MANCANZA DI CONTRADDITTORIO SI E LIMITATO AD ACCOGLIERE QUANTO L ACCUSA RICRIMINAVA. IN ATTESA SALUTO CORDIALMENTE FRANCESCO SCIREA 00639199799592 CEBU CITY (PH)

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube