Non guadagni più di 35 mila euro? Ora riceverai il nuovo bonus governativo

3 Maggio 2022
Non guadagni più di 35 mila euro? Ora riceverai il nuovo bonus governativo

Bonus anti inflazione varato ieri sera una tantum da 200 euro per redditi fino a 35mila euro.

Si chiama «Contributo anti-inflazione»: è il bonus concesso dal governo a tutti i cittadini: lavoratori dipendenti, autonomi e anche pensionati sotto i 35mila euro di reddito.

Si tratta di un sostegno “una tantum” da 200 euro. I pensionati ne potranno fruire a luglio direttamente con versamento a carico dell’Inps, mentre per i dipendenti sarà versato direttamente dal datore che recupererà l’importo al primo pagamento di imposta possibile. 

Draghi ha messo in campo un primo intervento per sostenere i redditi medio-bassi. Compresi quelli dei lavoratori autonomi, attraverso un apposito fondo. Lo ha confermato lo stesso premier nel corso della conferenza stampa di ieri sera. 

Contro il caro-vita, con l’inflazione al 6,2%, il decreto legge prevede un bonus una tantum di 200 euro di cui beneficeranno, ha detto il presidente del Consiglio, circa 28 milioni di persone tra lavoratori dipendenti, pensionati e autonomi, con un reddito non superiore a 35mila euro. «Il bonus sarà pagato presumibilmente a luglio per i pensionati e tra giugno-luglio per i dipendenti», ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco.
Un provvedimento che, ha aggiunto il ministro, costerà circa 6 miliardi di euro e verrà finanziato senza ricorrere a nuovo deficit (scostamento di bilancio) ma con l’aumento della tassa sugli extra profitti delle imprese energetiche che passa dal 10 al 25%.Il bonus da 200 euro si aggiunge al taglio di 0,8 punti percentuali dell’aliquota previdenziale sui dipendenti pubblici con una retribuzione fino a 35mila euro, in vigore per il 2022.

Nuovo bonus di 200 euro: cosa c’è da sapere

I beneficiari del sostegno sono circa 28 milioni. La misura è rivolta a tutelare il potere d’acquisto di salari e pensioni seppure solo in via temporanea e rinunciando, almeno per il momento, all’opzione di un mini-taglio del cuneo, per la sola parte contributiva, che era continuata a circolare fino a ieri mattina. Così l’esecutivo ha optato per un bonus “una tantum” anti inflazione da mettere direttamente nelle busta paga delle persone con redditi medio-bassi per contrastare i rincari generalizzati legati all’inflazione, che una parte di maggioranza ha subito accostato al bonus Renzi. Il governo, almeno per lavoratori e pensionati, ha anche optato per un’unica soglia dei redditi: quella dei 35mila euro di reddito annuo sotto la quale scatta il bonus.

I leader di Cgil, Cisl e Uil hanno ribadito la necessità di sostenere il potere d’acquisto di salari e pensioni indebolito dalla corsa dell’inflazione. E sul versante previdenziale hanno riproposto due cavalli di battaglia: il rafforzamento delle cosiddette 14esime dei pensionati (che sono in pagamento a luglio) o, in alternativa, un anticipo della rivalutazione degli assegni rispetto alla scadenza di gennaio 2023. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube