Draghi vuole togliere il superbonus 110%

3 Maggio 2022 | Autore:
Draghi vuole togliere il superbonus 110%

Il premier al Parlamento europeo di Strasburgo: non siamo d’accordo sulla validità di questo provvedimento.

Sorpresa: all’indomani dal decreto Aiuti che ha prorogato la possibilità per i proprietari delle villette di usufruire del superbonus 110% portando al 30 settembre lo stato di avanzamento dei lavori al 30%, il presidente del Consiglio, Mario Draghi gela chi pensava di beneficiare della maxi-agevolazione in un futuro prossimo. Rispondendo agli eurodeputati durante la plenaria di oggi al Parlamento europeo di Strasburgo, Draghi non ha nascosto la volontà di farlo sparire dall’elenco delle agevolazioni edilizie. Anzi, è stato piuttosto chiaro: «Possiamo non essere d’accordo sul superbonus al 110%, e non siamo d’accordo sulla validità di questo provvedimento. Cito solo un esempio: i prezzi degli investimenti necessari per attuare le ristrutturazioni sono più che triplicati, perché il 110% di per sé toglie l’incentivo alla trattativa sul prezzo. E quindi, questo è il risultato».

Senza peli sulla lingua, dunque, il presidente del Consiglio ha attaccato implicitamente chi ha voluto speculare sul superbonus e ha smontato l’essenza stessa del beneficio: essendo stati stabiliti dei costi massimi da tabelle ministeriali per la realizzazione dei lavori che danno diritto al superbonus, il margine di trattativa con le imprese è stato pari a zero. A ciò si aggiunge l’aumento dei prezzi delle materie prime, sui quali non esiste un limite massimo.

In sostanza, l’impresa ha legate le mani sul prezzo da applicare per i lavori che deve fare ma, allo stesso tempo, si ritrova a pagare dei costi più elevati sulle materie prime richieste dal decreto. Senza dimenticare la trafila burocratica delle asseverazioni firmate dai professionisti. Risultato: molte imprese si sono tirate indietro e, con loro, altrettanti contribuenti hanno rinunciato al superbonus.

Consapevole di questo problema, il Governo ha cercato di incentivare imprese e cittadini a non mollare, prorogando il beneficio (pur riducendo la percentuale di detrazione nei prossimi anni). Più per una questione di equilibri politici che per discorsi pratici.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube