Cronaca | News

Covid-19: allarme a Pechino

4 Maggio 2022 | Autore:
Covid-19: allarme a Pechino

Aumentano i contagi nella capitale cinese. Nuove restrizioni: chiuse decine di stazioni metropolitana e bus sospesi.

Nuovi casi di Covid-19 preoccupano Pechino che, per evitare la diffusione del virus, corre ai ripari imponendo nuove misure. Misure ancora più stringenti: più di 40 stazioni della metropolitana sono state chiuse, circa il 10% del totale. Stop a 158 linee di autobus. A fornire tutti i dettagli sulle restrizioni adottate nella capitale cinese è il South China Morning Post, mentre le autorità sanitarie della capitale cinese confermano 51 nuovi casi di Covid-19.

La maggior parte dei servizi sospesi si concentra nel distretto di Chaoyang, epicentro della nuova ondata di infezioni, sottolinea il giornale, che scrive del “tentativo” di contenere la diffusione dei contagi ed “evitare il destino di Shanghai” e il suo lockdown duro (leggi Covid-19: nuova stretta a Shanghai).

Come ha scritto il Global Times, riporta L’Adnkronos, le scuole di Pechino resteranno chiuse almeno fino all’11 maggio. Tutto è avvenuto dopo la riapertura di domenica scorsa dell’ospedale temporaneo di Xiaotangshan, con 1.200 posti letto, realizzato all’epoca della Sars, nel 2003, e riutilizzato all’inizio del 2020 per i pazienti Covid.

In tutta la Cina, secondo l’agenzia Xinhua, questa mattina, le autorità sanitarie hanno segnalato 353 casi confermati di trasmissione locale del Covid-19, 260 dei quali a Shanghai e 5.075 casi relativi a pazienti asintomatici, 4.722 solo in questa città, considerata la capitale economica del gigante asiatico. Qui, sono stati confermati altri 16 decessi. Dall’inizio della pandemia, riporta la Cgtn, sono 5.128 i decessi in tutto il Paese con 1,4 miliardi di abitanti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube