Diritto e Fisco | Articoli

Che succede se la banca paga l’assegno a persona diversa

5 Maggio 2022
Che succede se la banca paga l’assegno a persona diversa

La banca che paga un assegno a persona diversa non risarcisce se l’ha identificata con un documento.

Quando si deve effettuare un pagamento a una persona a distanza, è più prudente eseguire un bonifico bancario. In tal caso, c’è la certezza che il denaro arrivi all’effettivo destinatario. Inoltre, questi avrà la prova immediata dell’avvenuto adempimento grazie al numero di CRO. 

Chi invece preferisce spedire un assegno si sottopone al rischio che questo vada smarrito. Ebbene, in un’ipotesi del genere, che succede se la banca paga l’assegno a persona diversa? 

Secondo la Cassazione [1], la banca che paga un assegno a persona diversa dal titolare non risarcisce se l’ha identificata con un documento. Infatti l’obbligo di procedere alla verifica della clientela mediante il ricorso a pubblici registri o elenchi è previsto solo per le persone giuridiche.

La Suprema Corte ha ricordato che la spedizione di un assegno, anche se non trasferibile, per posta ordinaria giustifica l’affermazione del concorso di colpa del mittente in caso di sottrazione e riscossione da parte di un soggetto non legittimato. 

Ciò non toglie che l’abusivo incasso di un assegno da parte di una persona che non è il legittimo possessore del titolo e si presenta allo sportello esibendo documenti contraffatti, anche se apparentemente corrispondenti al nominativo del beneficiario, possa dar luogo alla responsabilità della banca che non ha svolto i dovuti controlli: lo ha affermato una recentissima sentenza della Corte di Cassazione [2]. Per maggiori informazioni leggi “Assegno pagato a persona diversa: la banca è responsabile?“.


note

[1] Cass. ord. n. 3649/2021.

[2] Cass. ord. n. 13969 del 03.05.2022.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube