Cronaca | News

Green pass europeo per un altro anno

6 Maggio 2022
Green pass europeo per un altro anno

Green pass fino a giugno 2023. Con la nuova disciplina sarà possibile rilasciare certificati green pass anche a nuovi tipi di test antigienici.

La parola green pass ha generato reazioni di tutti i tipi, non solo nel nostro Paese. E la notizia della sua sospensione ha generato non poco entusiasmo nella popolazione. Non sarà allora una buona notizia sapere che a volte ritornano e ciò che esce dalla porta spesso rientra dalla finestra. Il Parlamento europeo ha infatti appena approvato l’estensione della validità del Green pass Covid per un altro anno, fino a giugno 2023.

Il testo è stato approvato con 432 voti favorevoli, 130 contrari e 23 astenuti nella sezione dedicata ai cittadini dell’Ue e con 441 sì, 132 no e 20 astenuti per quella sui cittadini di Paesi terzi. Per il via libera definitivo al provvedimento servirà l’accordo con i governi Ue.

I negoziati per arrivare al via libera definitivo partiranno nell’immediato per fare in modo che le regole entrino in vigore prima della scadenza dell’attuale regime prevista per il 30 giugno. La decisione è stata presa per «assicurare che i cittadini dell’Unione possano beneficiare del diritto alla libera circolazione indipendentemente dall’evoluzione della pandemia», sottolinea il Parlamento europeo.

Cosa succederà ora? Questo non vuole dire che l’Italia tornerà subito al Green pass ma che le modifiche approvate consentiranno ai Paesi Ue anche di rilasciare certificati relativi anche a nuovi tipi di test antigienici. Nel testo gli eurodeputati chiedono agli Stati membri «di astenersi da ulteriori restrizioni alla libertà di movimento per i titolari del certificato a meno che non sia strettamente necessario». Qualora invece le restrizioni risultassero necessarie «dovrebbero essere limitate e proporzionate in base agli ultimi consigli scientifici del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e del comitato per la sicurezza sanitaria Ue».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube