L’esperto | Articoli

Condono del rustico: giurisprudenza

6 Maggio 2022
Condono del rustico: giurisprudenza

Applicazione della disciplina sul condono edilizio e sull’ultimazione delle opere: l’esecuzione del “rustico”.

La nozione di opera ultimata ai fini della fruibilità del condono presuppone lo stato di “rustico” della stessa

La nozione di opera ultimata ai fini della fruibilità del condono presuppone lo stato di “rustico” della stessa, termine con il quale si intende che essa è completa di tutte le strutture essenziali, necessariamente comprensiva della copertura e delle tamponature esterne, che realizzano in concreto i volumi, rendendoli individuabili e esattamente calcolabili ancorché mancante delle finiture (infissi, pavimentazione, tramezzature interne).

Consiglio di Stato sez. II, 15/02/2021, n.1403

Condono piscina natatoria 

Una piscina natatoria, priva di copertura e rivestimento, e quindi essenzialmente equiparabile ad un mero scavo, inutilizzabile ai fini della balneazione, non può accedere al condono in quanto sono applicabili i principi, affermatisi in relazione alla copertura di manufatti destinati a civile abitazione, che affermano la legittimità della concessione del condono esclusivamente per rustici di cui sia stata completata la copertura e il tamponamento dei muri perimetrali.

Corte di Cassazione, Sezione 3 Penale, Sentenza, 23 marzo 2022, n. 10002 

La definitività del rustico, ai fini della valutazione della domanda di condono presuppone la tamponatura dell’edificio

Ai fini della valutazione della domanda di condono edilizio ex l. n. 326/2003, la definitività del rustico necessariamente implica la tamponatura dell’edificio stesso, con conseguente non sanabilità di quelle opere, ove manchino in tutto o in parte i muri di tamponamento.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. III, 04/01/2021, n.11

Il concetto di ultimazione dei lavori è riferito all’esecuzione del rustico che presuppone l’intervenuto completamento delle tamponature esterne

Nel condono edilizio, il concetto di ultimazione dei lavori è riferito all’esecuzione del rustico che presuppone, in particolare, l’intervenuto completamento delle tamponature esterne, che determinano l’isolamento dell’immobile dalle intemperie.

Consiglio di Stato sez. II, 29/07/2020, n.4816

Ultimazione delle opere edilizie e condono edilizio

La nozione di ultimazione delle opere edilizie, cui occorre far riferimento ai fini dell’applicabilità della disciplina sul condono edilizio, coincide con l’esecuzione del rustico, da intendersi come muratura priva di rifiniture.

T.A.R. Venezia, (Veneto) sez. II, 20/07/2020, n.614

Condizioni e presupposti per la sanabilità delle opere abusivamente realizzate 

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 32, comma 25, l. n. 326/2003, per la sanabilità delle opere abusivamente realizzate è necessario che le stesse siano state ultimate entro la data del 31 marzo 2003; a tal proposito, l’art. 31 della l. n. 47/1985 – che si applica giusta il rinvio alle disposizioni di cui ai capi IV e V della l. 28 febbraio 1985 n. 47 e successive modificazioni e integrazioni, come ulteriormente modificate dall’art. 39, l. 23 dicembre 1994 n. 724 e succ. mm. e ii. – ha cura di precisare, in riferimento alle opere destinate alla residenza, che si intendono ultimati gli edifici nei quali sia stato eseguito il rustico e completata la copertura.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. VIII, 07/05/2020, n.1655

Ai fini dell’applicabilità della disciplina sul condono edilizio l’ultimazione delle opere cui bisogna far riferimento coincide con l’esecuzione del rustico 

Ai fini dell’applicabilità della disciplina sul condono edilizio, l’ultimazione delle opere coincide con l’esecuzione del c.d. “rustico”, da intendersi come muratura priva di rifinitura ossia “al grezzo” che comprenda tutte le tamponature ed il completamento della copertura del manufatto.

Consiglio di Stato sez. II, 24/04/2020, n.2615

Ultimazione dell’opera per la sanatoria

La realizzazione al rustico del manufatto, rilevante ai fini dell’assoggettabilità temporale dello stesso al condono, comporta il necessario completamento della copertura e il tamponamento dei muri perimetrali.

Corte di Cassazione, Sezione 3 Penale, Sentenza 6 maggio 2020, n. 13641 

In tema di condono edilizio, la nozione di ultimazione dell’opera cui fare riferimento ai fini dell’applicabilità della relativa disciplina è quella dettata dall’art. 31, comma 2, L. 20 febbraio 1985, n. 47 cui rinvia l’art. 32, comma 25, D.L. 30 settembre 2003, n. 269, sicché era necessario che entro il termine del 31 marzo 2003 fosse stato eseguito il rustico e completata la copertura. (Nella specie, non erano state ancora eseguite le opere di tamponatura esterna).

Corte di Cassazione, Sezione 3 Penale, Sentenza 18 luglio 2007, n. 28515



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube