Diritto e Fisco | Articoli

Multa illeggibile: è valida?

10 Maggio 2022 | Autore:
Multa illeggibile: è valida?

Quando la calligrafia è incomprensibile il verbale è annullabile con ricorso al giudice di pace.

Poliziotti, carabinieri e vigili urbani devono fare attenzione a come scrivono, e non solo per quanto riguarda il contenuto. Alcuni di loro non hanno una bella calligrafia e questo si ripercuote sulla leggibilità dei verbali, che risultano incomprensibili proprio nei punti chiave. Ad esempio, quando il numero dell’articolo del Codice della strada non è scritto chiaro, e qualche cifra si confonde con altre possibili, non si capisce qual è la norma violata; oppure la condotta tenuta dal conducente viene trascritta in modo oscuro e non intelligibile. Così, nonostante tutti gli sforzi interpretativi, non si capisce davvero cosa abbia fatto il conducente, e in cosa consiste l’infrazione.

È evidente che in queste condizioni l’automobilista contravvenzionato subisce una grave compromissione dei suoi diritti di difesa, perché non è in condizioni di comprendere l’accusa che gli è stata mossa: perciò ci si chiede se la multa illeggibile è valida oppure no. Ebbene, in questi casi la forma diventa sostanza, e il verbale di accertamento è viziato se non contiene gli elementi necessari che ti indicheremo. E questo vale non solo quando un dato viene omesso, ma anche quando la multa è scritta così male da impedire la lettura del suo contenuto.

Bisogna tenere conto del fatto che parecchie multe stradali vengono ancora compilate manualmente: l’operatore le scrive in condizioni precarie, in piedi o sul cofano della macchina contravvenzionata, e deve fare i conti anche con pioggia, vento e altre intemperie. La maggior parte delle pattuglie non è dotata di dispositivi, come laptop, tablet e stampanti portatili, che consentirebbero di redigere il verbale in formato informatizzato.

Ovviamente ci riferiamo ai casi di contestazione immediata, quelli in cui l’infrazione compiuta viene contestata subito al trasgressore dalla pattuglia che lo ha fermato su strada nell’occasione. Viceversa, il fenomeno della compilazione manuale del verbale è ormai rarissimo nei casi di contestazione differita, dove gli atti vengono compilati quasi sempre a tavolino, presso gli uffici del Comando che ha rilevato la violazione: qui tutti i reparti di Polizia dispongono di computer e di apparati che consentono la stampa automatizzata del verbale, che verrà poi notificato per posta.

Verbale scritto con calligrafia illeggibile: che succede?

Da quanto ti abbiamo anticipato nell’introduzione avrai compreso che un verbale scritto con calligrafia illeggibile non comporta soltanto un problema di forma, ma contiene un vizio più profondo, che in certi casi inficia la validità dell’atto. L’art. 201 del Codice della strada dispone che il verbale deve contenere «gli estremi precisi e dettagliati della violazione» compiuta dal conducente che ha trasgredito una norma di circolazione stradale e che per questo motivo è stato multato dagli agenti.

Il regolamento di attuazione del Codice della strada [1] precisa che il verbale di accertamento delle infrazioni stradali deve contenere una serie di informazioni essenziali, tra cui:

  • il giorno, l’ora e la località in cui la violazione è avvenuta;
  • le generalità e la residenza del trasgressore, e l’indicazione del proprietario del veicolo, se diverso dal conducente;
  • gli estremi della patente di guida;
  • l’indicazione del tipo del veicolo e della targa;
  • la «sommaria esposizione del fatto» che integra la violazione alle norme di circolazione stradale;
  • la menzione della norma violata;
  • le eventuali dichiarazioni che il trasgressore ha rilasciato;
  • l’ammontare della somma da pagare, i termini di pagamento e le modalità di pagamento in misura ridotta;
  • l’autorità competente a decidere in caso di ricorso.

Multa illeggibile: può essere annullata?

Se le disposizioni che prescrivono il contenuto essenziale del verbale di accertamento dell’infrazione stradale vengono violate, cioè se la multa è illeggibile in tutto o in parte, le conseguenze sono drastiche: la giurisprudenza riconosce la possibilità di ottenere l’annullamento del verbale redatto in modo incomprensibile. Una nuova sentenza del giudice di pace di Frosinone [2] ha ritenuto che un verbale di accertamento di infrazione al Codice della strada redatto con testo manoscritto che risultava illeggibile è affetto da «invalidità insanabile», in quanto la «contestazione indecifrabile» viola il diritto di difesa del presunto trasgressore.

Multa illeggibile: come ricorrere?

La vicenda decisa dal giudice di pace di Frosinone riguardava una multa elevata ad un veicolo di proprietà di un’azienda di trasporti alla quale era stata contestata una violazione delle norme sul cronotachigrafo (art. 179 Cod. strada). Com’è noto, il cronotachigrafo è l’apparecchio che documenta il tracciato percorso, la velocità e i turni osservati dai conducenti del mezzo pesante. Il giudice ha ritenuto che l’Amministrazione non aveva provato la responsabilità della società, che aveva proposto ricorso contro il verbale e contro la successiva ordinanza-ingiunzione di pagamento; anch’essa è stata  annullata, per il principio amministrativo della «invalidità derivata»: si fondava su un atto nullo e perciò non poteva spiegare i suoi effetti giuridici.

Perciò, se ricevi un verbale di violazione del Codice della strada manoscritto con calligrafia illeggibile, puoi impugnarlo per questo motivo con ricorso da proporre al giudice di pace competente per territorio in base al luogo dove è avvenuta l’infrazione. Il termine per presentare ricorso è di 30 giorni, che decorrono dalla ricezione della multa, in caso di contestazione immediata, o dalla data della notifica avvenuta per posta, in caso di contestazione differita. Per maggiori dettagli leggi “Come contestare una multa al giudice di pace“.


note

[1] Giudice di pace di Frosinone, sent. n. 423 del 04.05.2022.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube