Diritto e Fisco | Articoli

Semafori con conto alla rovescia: cosa cambia?

10 Maggio 2022 | Autore:
Semafori con conto alla rovescia: cosa cambia?

A che servono e dove sono obbligatori i dispositivi di countdown sul rosso e sul giallo? Aiuteranno a prendere meno multe?

L’obbligo di installarli ovunque non esiste. Ma di nuovi semafori dotati di dispositivo con il conto alla rovescia ne vedremo sempre di più. Solo su alcune strade, però. E, a differenza di quelli che si vedono in altri Paesi, con il countdown solo per il giallo e per il rosso. Mai per indicare quando sta per arrivare il verde.

Che cosa cambia con i semafori dotati di conto alla rovescia? Il ministero delle Infrastrutture, che ha firmato il decreto per disciplinare il funzionamento dei dispositivi, spera di «migliorare la sicurezza stradale». Come? Imponendo i semafori con countdown obbligatorio in alcuni casi e lasciando che i gestori di determinate strade valutino, in altri casi, se sia il caso di installarli o meno.

Conto alla rovescia: su quali semafori?

Per essere più chiari, il conto alla rovescia sarà obbligatorio per:

  • il giallo dei semafori per pedoni e/o ciclisti agli attraversamenti pedonali e/o ciclabili di strade con più di due corsie o che richiedano per attraversare più di 20 secondi (più di 10 per gli attraversamenti solo ciclabili);
  • il giallo dei semafori per veicoli su strade urbane con controllo automatico delle infrazioni semaforiche dove il giallo dura meno di cinque secondi;
  • il rosso dei semafori per veicoli nei sensi unici alternati (se il rosso resta acceso per parecchio tempo) e negli incroci disomogenei, vale a dire in quei punti in cui non ci sono attraversamenti ciclabili e/o pedonali e il verde per chi si immette nella via principale dura poco.

Questi sono i casi in cui, obbligatoriamente, i semafori dovranno avere un dispositivo con il conto alla rovescia. In tutti gli altri punti, sarà il gestore della strada a dover valutare se sia il caso di adottare o meno questo sistema. L’utilizzo del countdown, insomma, è facoltativo.

Come abbiamo visto, resta, comunque, escluso il conto alla rovescia per il verde. Previste anche delle nuove pulsantiere per agevolare ulteriormente l’utilizzo del semaforo pedonale a chiamata.

Il countdown sui semafori diminuirà le multe?

Da sottolineare il fatto che uno dei punti in cui il conto alla rovescia semaforico è obbligatorio è l’incrocio in cui vengono rilevate le infrazioni. In pratica, si tratta dei semafori dotati di T-Red, il sistema che scatta delle fotografie quando l’automobilista supera l’incrocio con il rosso o anche solo la striscia bianca di arresto dipinta sull’asfalto. Chi oggi vuole rischiare «a occhio» e non ferma l’auto quando vede il giallo, avrà uno strumento grazie al quale decidere se premere il freno perché non fa in tempo a passare o se premere l’acceleratore perché ha ancora qualche secondo a disposizione. Stando attento, però, a non superare il limite di velocità, altrimenti per evitare una multa se ne prende un’altra.

Tuttavia, il decreto del ministero delle Infrastrutture deve ancora passare al vaglio della Commissione europea, il che non avverrà molto probabilmente, fino a dopo l’estate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube