Più tempo per pagare gli avvisi bonari del Fisco

10 Maggio 2022 | Autore:
Più tempo per pagare gli avvisi bonari del Fisco

Il decreto Energia contiene un emendamento che consente di mettersi in regola in 60 giorni anziché in 30. Ma solo per un periodo limitato.

Il Fisco raddoppia: 60 giorni di tempo, anziché 30 giorni, per pagare gli avvisi bonari con cui l’Agenzia delle Entrate comunica delle irregolarità da sanare. È una delle novità contenute nella legge di conversione del cosiddetto decreto Energia, al vaglio del Parlamento. La misura, però, non durerà in eterno: sarà possibile pagare in 60 giorni solo nel periodo che intercorre tra l’entrata in vigore della legge di conversione (dovrà essere approvata al massimo entro il 20 maggio) ed il 31 agosto 2022. Significa che – a meno di successive proroghe – dal 1° settembre tutto torna come prima, cioè bisognerà mettersi a posto entro 30 giorni.

Una sorta di «polmoncino» di tempo, insomma, che il legislatore ha voluto dare ai contribuenti con qualche conto in sospeso con il Fisco. Si parla, infatti, di «assicurare la necessaria liquidità alle famiglie ed alle imprese in considerazione degli effetti negativi determinati dalla pandemia, nonché delle ripercussioni economiche e produttive del conflitto bellico» in Ucraina.

Cosa cambia, quindi, per il contribuente? L’emendamento approvato in Parlamento apre una parentesi temporale, come detto tra l’entrata in vigore della legge di conversione e il 31 agosto, durante la quale viene modificata la normativa attualmente in vigore. Oggi (e così tornerà ad essere dal 1° settembre 2022), è stabilito che «l’iscrizione a ruolo delle comunicazioni di irregolarità, oppure la prima richiesta di pagamento inviata dall’Agenzia delle Entrate (l’avviso bonario) in caso di non effettuazione del versamento di imposte ed Iva dichiarati o di maggiori oneri derivanti delle rettifiche dei dichiarativi, non viene eseguita se il contribuente paga quanto richiesto entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione». Nel citato periodo, invece, ci saranno 60 giorni di tempo, trascorsi i quali, se il contribuente non si è messo in regola, gli importi richiesti saranno direttamente iscritti a ruolo a titolo definitivo. Perciò, non sarà più possibile beneficiare della riduzione ad un terzo delle sanzioni amministrative contenute nell’atto.

Quello che il decreto non chiarisce fino in fondo è se il prolungamento a 60 giorni riguarda gli atti trasmessi al contribuente entro il 31 agosto o i pagamenti degli stessi in scadenza entro tale data. Aspetto tutt’altro che irrilevante sul quale si attendono delle precisazioni.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube