Diritto e Fisco | Articoli

Acquisto con la finanziaria: se il bene non è stato consegnato

30 Settembre 2014
Acquisto con la finanziaria: se il bene non è stato consegnato

Credito al consumo: quando il consumatore ha ragione e non deve restituire il debito.

Hai acquistato, di recente, un bene (un’auto, un frullatore, un’aspirapolvere) o un servizio (una serie di massaggi) facendo ricorso al prestito di una finanziaria? Per qualche ragione il bene o il servizio non ti è stato più consegnato o ti è stato dato con qualità diverse da quelle prospettate? Leggi bene questo articolo.

In caso di credito al consumo,la finanziaria non può agire contro l’acquirente del bene finanziato se questo non è stata mai consegnata.

In una vicenda giudiziaria, le parti – una finanziaria e l’acquirente di un’auto – sono finiti in tribunale perché la prima voleva il pagamento delle rate nonostante l’auto non fosse stata mai consegnata, rivendicando l’autonomia del contratto di credito al consumo rispetto invece all’atto di acquisto con il venditore del bene. Una cosa sarebbe il contratto di prestito – sosteneva la finanziaria – e un’altra il contratto di vendita.

Il tribunale di Milano nel 2005 decise che la coppia acquirente non era tenuta alla restituzione della somma – versata dalla finanziaria al venditore – mentre nel 2007 la Corte d’appello diede ragione alla finanziaria condannando la coppia al pagamento di 25.530 euro.

La Cassazione, con diversi principi di diritto, ha invece sancito, con una importantissima sentenza di ieri [1] “il collegamento negoziale”tra il contratto di credito al consumo e il contratto di compravendita dell’auto. Risultato pratico: posta l’interdipendenza tra il finanziamento e la vendita, se quest’ultima non va in porto per causa del venditore, la rata della finanziaria non deve essere più pagata dall’acquirente. Che così sarà libero dal debito e potrà strappare i bollettini che gli arrivano a casa o “dirne quattro” alla società di recupero crediti.

Il principio trova applicazione in tanti altri casi che, oggigiorno, coinvolgono frodi ai consumatori. Si pensi ai finanziamenti nei confronti di centri massaggi e palestre che poi chiudono durante il trattamento. E di beni di consumo che, invece, presentano vizi e difetti imputabili al venditore o al produttore che ne impediscono l’utilizzo.


note

[1] Cass. sent. n. 20477 del 29.09.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube