Cronaca | News

Guerra Russia Ucraina: primo militare russo a processo

11 Maggio 2022 | Autore:
Guerra Russia Ucraina: primo militare russo a processo

L’ufficio del procuratore generale ucraino accusa un soldato russo per l’omicidio di un civile nella regione di Sumy.

Gli episodi del conflitto tra Russia e Ucraina hanno fatto parlare di crimini di guerra, di crimini contro l’umanità e di genocidio. La Corte penale internazionale ha aperto un’inchiesta sull’Ucraina. Biden ha accusato la Russia di “genocidio”, come già aveva fatto Zelensky, mentre Macron ha chiesto di pesare meglio le parole. Intanto, sembra che qualcosa si stia smuovendo in territorio ucraino a seguito delle numerose denunce relative all’omicidio dei civili. Il procuratore generale Irina Venediktov, come riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos, ha reso noto che l’ufficio del procuratore generale ucraino ha intentato una causa contro un militare russo per aver ucciso un civile nella regione di Sumy.

«Il primo militare russo comparirà in tribunale per l’omicidio di un civile nella regione di Sumy – ha scritto su Facebook Irina Venediktov – L’ufficio del procuratore generale ha inviato un atto d’accusa contro Vadim Shishimarin, comandante dell’unità 32010, 4a divisione Panzer Kantemirov della regione di Mosca».

Secondo il procuratore generale, un’indagine ha stabilito che questo soldato russo di 21 anni ha ucciso un residente disarmato del villaggio di Chupakhivka, nella regione di Sumy, il 28 febbraio 2022, mentre era in bicicletta lungo il ciglio della strada.

«Prima di ciò – riferisce il procuratore – la colonna che comprendeva il sergente Shishimarin è stata sconfitta dalle nostre forze armate. Durante la fuga, lui e altri quattro ufficiali hanno sparato contro un’auto privata e l’hanno sequestrata. Gli invasori sono entrati nel villaggio con un’auto rubata con ruote forate. Uno dei militari ha ordinato a un sergente di uccidere un civile in modo che non lo denunciasse».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube