Cronaca | News

Guerra in Ucraina: sicurezza alimentare a rischio

11 Maggio 2022
Guerra in Ucraina: sicurezza alimentare a rischio

Il Fondo internazionale delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo: «La comunità internazionale deve anticipare conseguenze di vasta portata e destabilizzanti di questa guerra sostenendo i più vulnerabili».

Mentre la guerra in Ucraina spinge i prezzi di cibo, carburante e fertilizzanti verso livelli record, mettendo a rischio la sicurezza alimentare in molti dei paesi più poveri del mondo, il Fondo internazionale delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo (Ifad) ha lanciato oggi un’Iniziativa di risposta alla crisi per garantire che su piccola scala gli agricoltori nei Paesi ad alto rischio possono produrre cibo nei prossimi mesi per sfamare le loro famiglie e comunità riducendo al contempo la minaccia per i raccolti futuri.

L’Ifad, come riporta l’Adnkronos, chiede ai suoi Stati membri di contribuire alle risorse significative necessarie per coprire tutti i 22 Paesi elencati nell’Iniziativa come priorità basate sulle misure del bisogno. I Paesi Bassi hanno annunciato, al lancio dell’iniziativa, il loro contributo di 10 milioni di euro, aprendo la strada all’Ifad per iniziare immediatamente ad allocare risorse ai primi 3 Paesi prioritari tra cui la Somalia, «ma questo è solo l’inizio e ora è necessario molto di più».

«Il ruolo dell’Ifad è fondamentale per mitigare eventuali shock ai sistemi alimentari e, così facendo, proteggere il progresso dello sviluppo a lungo termine – afferma Marteen Brouwer, ambasciatore dei Paesi Bassi in Kenya – La comunità internazionale deve anticipare le conseguenze di vasta portata e preoccupantemente destabilizzanti di questa guerra in Europa, sostenendo i più vulnerabili».

Le ripercussioni della guerra si fanno sentire più acutamente in alcune parti dell’Africa, del Vicino Oriente e dell’Asia centrale, ma altri Paesi e regioni stanno diventando sempre più colpiti di giorno in giorno. Molti Paesi sono vulnerabili agli shock dei prezzi a causa della loro elevata dipendenza dalle importazioni di cibo ed energia dalla Russia e dall’Ucraina. Altri paesi, in particolare in Asia centrale, stanno registrando un deterioramento degli scambi accompagnato da una significativa riduzione dell’afflusso di rimesse.

Le popolazioni rurali vulnerabili sono duramente colpite dall’aumento dei prezzi dei fattori di produzione agricoli essenziali, in particolare ora che iniziano una nuova stagione di semina. I piccoli agricoltori, ad esempio, stanno lottando per pagare il carburante per i macchinari, i costi dei fertilizzanti e i trasporti per raggiungere i mercati e la maggior parte non ha la capacità di assorbire gli aumenti dei prezzi.

In Somalia, uno dei paesi prioritari per la Crisis Response Initiative dell’Ifad, i costi dell’elettricità e dei trasporti sono aumentati dall’inizio del conflitto in Ucraina. Sono stati colpiti i piccoli agricoltori che fanno affidamento sull’irrigazione alimentata da piccoli motori diesel. Questo shock aggrava le preoccupanti prospettive di carestia in mezzo a una grave siccità.

Secondo la testimonianza di Fawzia Salah Mohamoud, una contadina somala, «la maggior parte degli agricoltori locali non è in grado di acquistare carburante e di conseguenza ha subito perdite. Ora stiamo sentendo l’effetto spirale nel costo dei trasporti, del cibo e di tutti gli altri beni di prima necessità”. L’aumento vertiginoso dei prezzi di cibo ed energia, sottolinea Donal Brown, vicepresidente associato del dipartimento di gestione del programma dell’Ifad, “potrebbe portare a disordini sociali e destabilizzare i paesi, in particolare gli stati fragili. È in gioco la stabilità a lungo termine».

L’obiettivo della Crisis Response Initiative dell’Ifad è proteggere i mezzi di sussistenza dei piccoli produttori e i guadagni in termini di sviluppo realizzati negli ultimi anni affrontando i bisogni urgenti causati dalla crisi. Basandosi sulla recente esperienza dell’Ifad nella risposta al Covid-19, l’Iniziativa è orientata a garantire che i piccoli agricoltori abbiano accesso a fattori di produzione agricoli chiave, carburante, fertilizzanti, finanziamenti per i bisogni immediati e accesso ai mercati e alle informazioni relative al mercato. L’iniziativa contribuirà inoltre a ridurre le perdite post-raccolta investendo in infrastrutture su piccola scala.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube