Cronaca | News

Ucraina: la Svezia si dice pronta alla guerra

13 Maggio 2022 | Autore:
Ucraina: la Svezia si dice pronta alla guerra

Da Stoccolma un messaggio inequivocabile a Putin: sappiamo che reagirà alla nostra adesione alla Nato ma ci sarà la nostra controrisposta.

Una delle regole alla base di ogni guerra dice che non bisogna mai mostrare le proprie debolezze e, tanto meno, far capire al nemico che si ha paura di lui. L’allargamento tanto ipotizzato del conflitto in Ucraina verso i Paesi scandinavi, Finlandia e Svezia in particolare, per la loro intenzione di aderire alla Nato non si è ancora concretizzato. Ma Stoccolma comincia a mettere le mani avanti.

La Svezia si aspetta una risposta della Russia alla sua decisione di entrare a far parte della Nato, ma si dice pronta a reagire. A spiegarlo è il ministro della Difesa svedese Peter Hultqvist: «Se la Svezia sceglie di aderire alla Nato, c’è il rischio di una reazione da parte della Russia. Premetto che, in tal caso, siamo pronti ad affrontare qualsiasi controrisposta», ha spiegato. Un’affermazione che lascia spazio a poche interpretazioni: se il Cremlino attaccherà, la Svezia andrà al contrattacco.

Ieri, era stato il vicino ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto a provare a far ragionare Mosca: «La Russia non deve sentirsi minacciata dall’adesione di Finlandia e Svezia alla Nato», aveva detto in dichiarazioni alla Bbc. «Siamo Paesi che amano la pace, abbiamo mantenuto un confine pacifico con la Russia e guardiamo al futuro quando la normale cooperazione con la Russia potrà continuare».

La decisione di far parte dell’Alleanza atlantica è condivisa anche dall’ex premier finlandese Alexander Stubb: «La Finlandia e la Svezia sono sempre stati parte dell’Occidente», ha commentato. «Entrare nella Nato significherà solo avere maggiore sicurezza in quest’area».

Per Stubb, infine, l’Ucraina sta «dalla parte giusta della storia. Putin sarà sempre un pericolo: la sua visione di una grande Russia con una sola lingua, una sola religione e un solo leader è superata, così come la sua idea di annettere Ucraina e Bielorussia. È un progetto destinato a fallire».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube