Cronaca | News

Di Maio: si rischia lo scoppio di una guerra mondiale del pane

13 Maggio 2022 | Autore:
Di Maio: si rischia lo scoppio di una guerra mondiale del pane

Beni di prima necessità: l’insicurezza alimentare cresce a dismisura.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è arrivato ieri al resort di Weissenhaus, dove fino a sabato si terrà la Ministeriale Esteri G7. Domani, il titolare della Farnesina si sposterà a Berlino e resterà lì fino a domenica. Nella capitale tedesca avrà luogo la riunione informale dei ministri degli Esteri della Nato.

Dal G7 in corso in Germania, Luigi Di Maio è intervenuto facendo il punto della situazione e ha dichiarato che «Rischiamo che possa scoppiare una guerra mondiale del pane. Quello che sta succedendo per quanto riguarda i beni di prima necessità è inquietante e questo non vale solo per il continente europeo. Ci sono i paesi africani, che stanno soffrendo e vedendo crescere l’insicurezza alimentare a dismisura».

«Questo – ha aggiunto il ministro degli Esteri- ha un effetto diretto sui prezzi dei beni di prima necessità ogni giorno per i nostri concittadini ma ha un effetto per quanto riguarda il continente africano, per le carestie e i flussi migratori. Noi – ha sottolineato – salutiamo con grande favore l’iniziativa tedesca sotto la presidenza del G7 di costruire un’alleanza globale per la sicurezza alimentare. L’Italia è molto sensibile a questo tema. Siamo molto preoccupati di quanto sta avvenendo nel Mediterraneo rispetto ad esempio alla crisi del grano».

«Per questo, come Italia e come ministero degli Esteri – ha annunciato – stiamo organizzando un dialogo a livello ministeriale con i paesi del Mediterraneo, insieme alla Fao, che vedrà la prima iniziativa in Italia il prossimo mese. Lavoreremo con i paesi del Mediterraneo per permettere loro di diversificare le fonti di approvvigionamento dei beni di prima necessità in modo da scongiurare una crisi alimentare che può portare a carestie e a flussi migratori sempre più massicci».

Per quanto riguarda la pace e i negoziati, Di Maio ha affermato che «non possiamo pensare di affidarci a iniziative isolate, non si può pensare di raggiungere un accordo di pace attraverso iniziative isolate. Serve collegialità nel costruire un vero e proprio percorso negoziale ed è quello che vogliamo promuovere come Italia, un vero e proprio percorso negoziale per arrivare alla pace». «Dobbiamo costruire un tavolo di pace con gli attori internazionali più rilevanti in modo tale da per porre fine a questa guerra il prima possibile», ha aggiunto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube