Diritto e Fisco | Articoli

Si può lasciare l’eredità a un solo fratello?

22 Maggio 2022
Si può lasciare l’eredità a un solo fratello?

Si può diseredare un fratello? I fratelli sono eredi legittimari?

Un nostro lettore ha due fratelli. Ci chiede se, in sede di testamento, sia costretto a rispettare le cosiddette quote di legittima nei confronti dei due. In altri termini, si può lasciare l’eredità a un solo fratello? 

La questione merita una preliminare precisazione in merito a chi sono i legittimari, cosa sono le quote di legittima e chi ne ha diritto. Spiegheremo poi, all’esito di ciò, se i fratelli sono legittimari, ossia hanno diritto a una quota del patrimonio del defunto. Ecco tutto ciò che c’è da sapere in merito.

Cos’è la legittima?

La cosiddetta «legittima» è una quota del patrimonio del defunto che deve necessariamente finire ai suoi parenti più stretti: una previsione contenuta nel Codice civile e rivolta a tutelare il nucleo familiare. Neanche una diversa volontà del de cuius, seppur contenuta nel suo testamento, potrebbe derogare a tale normativa. Anzi, la questione della tutela della «legittima» si pone evidentemente proprio per le successioni regolate da testamento: è in queste infatti che il testatore potrebbe ledere le quote spettanti ai familiari più stretti con delle disposizioni testamentarie di contenuto diverso. Invece, nelle successioni senza testamento, la ripartizione dei beni viene effettuata secondo le regole indicate dalla legge che già privilegia i parenti più stretti.

In forza di ciò possiamo dire che i legittimari sono coloro a cui spetta la legittima e che pertanto non possono mai essere diseredati (salvo il caso di indegnità a succedere).

Chi sono i legittimari?

I legittimari, dicevamo, sono i familiari più stretti del defunto. In particolare, si tratta dei seguenti soggetti:

  • coniuge;
  • figli;
  • ascendenti (genitori e nonni).

In merito a ciascuna categoria sono necessarie delle considerazioni.

Quanto al coniuge, questi è erede legittimo anche se è già intervenuta la separazione. Lo rimane fino al divorzio. Tuttavia, se la separazione è stata pronunciata con «addebito», ossia con imputazione di responsabilità a carico del coniuge superstite (ad esempio, per tradimento o abbandono del tetto coniugale), questi perde la qualità di erede legittimario.

Quanto ai figli, si tratta parimenti di quelli nati da un matrimonio, da rapporti occasionali, da convivenza. E ad essi vengono equiparati anche i figli adottati. Insomma, tutti i figli sono eredi legittimari e non possono mai essere diseredati. 

Infine, veniamo agli ascendenti e, più verosimilmente, i genitori. Questi sono eredi legittimari solo se il defunto non ha lasciato figli. Pertanto, ad una persona senza figli succederanno “necessariamente” i suoi genitori. Se invece il defunto aveva dei figli, ai genitori non spetterà la quota di legittima. 

Si può lasciare tutta l’eredità a un solo fratello?

Da quanto appena visto, i fratelli non sono eredi legittimari. Quindi, è possibile diseredare un fratello, ossia non menzionarlo nel proprio testamento. Tuttavia, la possibilità di lasciare tutta l’eredità a un solo fratello è subordinata al fatto che il testatore non lasci eredi legittimari che, come detto, sono il coniuge e i figli o, in assenza dei figli, i genitori. Se uno di tali soggetti infatti dovesse essere in vita, il testatore dovrà riservare a questi la propria quota di legittima secondo le quote indicate nello schema a fine articolo.

In buona sostanza, una persona non sposata e senza figli può lasciare tutta l’eredità a un solo fratello, diseredando l’altro.

Invece, una persona con due fratelli e un coniuge e/o con figli, dovrà lasciare prima a questi la quota di legittima e poi potrà fare ciò che vuole della residua parte, lasciandola anche a un solo fratello e diseredando l’altro.

Per diseredare un fratello non è necessaria un’apposita dichiarazione: è sufficiente non menzionarlo nel testamento. Questi, come anticipato, non essendo un erede legittimario, non potrà contestare alcunché.

Viceversa, se il de cuius non ha fatto testamento, il suo patrimonio verrà diviso secondo le quote indicate dalla legge che tengono invece conto di tutti i fratelli in pari misura. 

Qui di seguito riportiamo due tabelle in cui sono spiegate (prima tabella) le quote spettanti ai legittimari in caso di eredità con testamento e (seconda tabella) come va diviso il patrimonio del defunto tra gli eredi se non c’è un testamento. 

Le quote di legittima

Se chi muore lascia
Quote legittima
Quota disponibile
Solo il coniuge½ al coniuge½
Il coniuge e un figlio1/3 al coniuge; 1/3 al figlio1/3
Il coniuge e due o più figli1/4 al coniuge; 2/4 ai figli¼
Solo il figlio (senza coniuge)½ al figlio½
Solo due o più figli (senza coniuge)2/3 ai figli1/3
Solo ascendenti legittimi1/3 agli ascendenti2/3
Il coniuge e ascendenti legittimi (senza figli)½ al coniuge; ¼ agli ascendenti1/4
Il coniuge separatoHa gli stessi diritti del coniuge non separato salvo abbia subito l’addebito

Se il testamento non c’è o è nullo

Se chi muore lascia
Quote del patrimonio spettanti a
Solo il coniuge, senza altri eredi (figli, ascendenti, fratelli e sorelle)Tutta l’eredità al coniuge
Il coniuge e un figlio½ al coniuge; ½ al figlio
Il coniuge e due o più figli1/3 al coniuge; 2/3 ai figli
Il coniuge ed ascendenti o fratelli e sorelle (senza figli)2/3 al coniuge; 1/3 ad ascendenti – fratelli e sorelle
Solo il figlio (senza coniuge)Tutta l’eredità al figlio
Solo ascendenti½ agli ascendenti in linea paterna; ½ agli ascendenti in linea materna
Solo fratelli e sorelleUna quota ciascuno in parti uguali; i fratelli e le sorelle unilaterali (padre o madre diversi) conseguono però la loro metà della quota dei germani (stessi genitori)
Solo ascendenti e fratelli o sorelle½ eredità ai genitori; ½ diviso tra fratelli e sorelle
Altri parentiSe il defunto muore senza lasciare ascendenti, discendenti, fratelli o sorelle o coniuge, la successione si devolve in favore dei parenti entro il sesto grado. A tal proposito, va precisato che si applica la regola secondo la quale i legami più prossimi escludono quelli di grado più remoto
Coniuge separatoHa gli stessi diritti del coniuge non separato salvo abbia subito l’addebito


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube