Cronaca | News

Svezia e Finlandia in Nato: serie minacce dalla Russia

16 Maggio 2022 | Autore:
Svezia e Finlandia in Nato: serie minacce dalla Russia

Mosca definisce la richiesta di adesione «un grave errore che avrà una vasta portata». Colloqui della Svezia in Turchia. Helsinki: rischio nucleare concreto.

Il Cremlino non manda giù la conferma di Svezia e di Finlandia di fare la richiesta formale di adesione alla Nato. Dalla Russia, per bocca del vice ministro degli Esteri russo Sergei Rayabkov, arriva un commento che più che un avvertimento suona a vera e propria minaccia: «L’ingresso della Svezia e della Finlandia nella Nato aumenterà la tensione militare e ci sarà meno prevedibilità in questo settore. È un peccato che il buon senso sia sacrificato ad alcune idee senza senso su cosa dovrebbe essere fatto nella situazione attuale». L’adesione della Svezia e della Finlandia all’Alleanza Atlantica, quindi, per il vice ministro russo «è un altro grave errore con conseguenze di vasta portata».

Aggiunge Ryabkov: «Guardiamo alla situazione globale nel suo insieme, la situazione, ovviamente, sta cambiando radicalmente alla luce di ciò che sta accadendo. Per noi è assolutamente evidente che la sicurezza della Svezia, come quella della Finlandia, non sarà rafforzata a seguito di questa decisione».

Intanto, Stoccolma annuncia l’invio di un gruppo di diplomatici per colloqui e per un dialogo con la Turchia, dopo le critiche di Ankara alla scelta dei due Paesi scandinavi di aderire alla Nato. «Vedremo come si possa risolvere la questione e di cosa si tratti realmente», ha detto il ministro della Difesa della Svezia, Peter Hultqvist.

Dal canto suo, la Finlandia ha invitato nelle scorse ore a non sottovalutare l’ipotesi che l’attuale guerra in Ucraina possa trasformarsi in un conflitto nucleare a livello molto più vasto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube