Cronaca | News

Ruby-ter: cosa succedeva ad Arcore secondo il pm di Milano

18 Maggio 2022 | Autore:
Ruby-ter: cosa succedeva ad Arcore secondo il pm di Milano

La pubblica accusa al processo contro Berlusconi: «Schiave sessuali che divertivano l’allora premier a pagamento. Violenza grave e prostituzione a lungo».

Non è proprio il contesto ideale per un presidente del Consiglio in carica quello descritto questa mattina dal pubblico ministero durante il processo Ruby-ter che vede imputato Silvio Berlusconi ed altre 28 persone e che si sta tenendo nell’aula bunker del carcere di San Vittore, nel capoluogo lombardo. Per il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, «intorno ad Arcore, palazzo Grazioli e villa San Martino succede qualcosa di medioevale, “Boccaccesco”, moralmente discutibile, incredibile».

Secondo la pm, l’allora presidente del Consiglio «ospitava un gruppo di odalische, schiave sessuali che a pagamento lo divertivano, allietavano le sue serate». Emerge – continua Siciliano – una «violenza grave» nei confronti delle ragazze che hanno partecipato. Il rappresentante della pubblica accusa sottolinea che alle cene partecipavano «ragazze davvero giovani» e come questo processo mostri come «se sei così bella in un modo così rapace e non hai strumenti culturali o una famiglia che riesce a proteggerti allora sei veramente una vittima predestinata di predatori di ogni genere».

Uomini, personaggi «come Emilio Fede» che annusano, usano. «Si offre in dono al Sultano la favorita, specificando “mangia nel tuo piatto” ed è orribile da vedere e da sentire», spiega la pm richiamando una frase che sarebbe stata pronunciata dal giornalista televisivo nell’unica serata ad Arcore – tra il 22 e il 23 agosto 2010 – a cui erano presenti Chiara Danese e Ambra Battilana, parti civili nel processo. Per la pm c’è un «consolidato sistema prostitutivo», in particolare «si esercitava prostituzioni nelle case di Berlusconi per un periodo molto lungo».

«Ci sono voluti otto anni per arrivare alla prima sentenza del caso Ruby ter», ha continuato il pubblico ministero. «Allora l’imputato Silvio Berlusconi era un uomo che poteva avere il mondo ai suoi piedi, un presidente del Consiglio che si accompagnava con amicizie come quella con Putin che sta mettendo in ginocchio il mondo, ma oggi è un grande anziano, malato, perché le certificazioni prodotte mostrano un quadro di patologie».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube