Cronaca | News

Ecco il nome di chi prenderà il posto di Putin

19 Maggio 2022
Ecco il nome di chi prenderà il posto di Putin

Nikolaj Patrushev è il secondo uomo più potente della Russia, eppure di lui non sappiamo praticamente nulla se non che sostituirà Putin se dovesse servire.

Nikolaj Patrushev: è probabilmente il secondo uomo russo più influente dopo il Presidente e colui che prenderà il posto di Putin nel caso in cui quest’ultimo per necessità debba fare un passo indietro da quel comando conquistato con furbizia e determinazione oltre 20 anni fa.

Di Nikolaj Patrushev sappiamo davvero poco, seppur sia probabilmente il secondo uomo russo più influente dopo il Presidente. Come Putin, Patrushev nasce in Russia a San Pietroburgo ed è il frutto dell’amore scoppiato durante la Grande guerra da padre veterano e madre infermiera. A differenza dell’amico Putin, laureato in legge, Putrushev sceglie la carriera ingegneristica e si laurea all’Istituto delle costruzioni navali. Una carriera che ha vita breve considerato che subito dopo la laurea Putrushev viene arruolato dal Kgb a Leningrado: gli basta poco tempo per scalare i vertici ed essere piazzato a capo della lotta contro il contrabbando e la corruzione.

Le strade di Putin e Patrushev si biforcano e incontrano più volte negli anni Novanta, tra i due, gioco forza quei «tipici valori» che spingono per una Russia sempre più forte e potente da entrambi condivisi e per i quali il Presidente è stato in passato tanto popolare in patria, la sintonia e la comunione d’intenti è palpabile, tanto che inizia una proficua collaborazione. È proprio in questi anni che Patrushev diventa il braccio destro di Putin, che lo terrà stretto a sé sia quando è a capo dell’Fsb (il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa) che durante il ventennio a capo del governo russo.

Infatti, quando Putin lascia i Servizi Segreti per dedicarsi alla politica nel 1999, quasi come fosse scontato le redini del carro passano a Patrushev.

Putin e Patrushev sono due nomi legati da uno stretto rapporto basato su stima e fiducia, tanto che pare sia stato lo stesso Patrushev a convincere in fase finale il Presidente a sferrare l’attacco all’Ucraina, rassicurandolo su una vittoria veloce e (relativamente) indolore. Proprio per questo i rapporti tra i due sarebbero diventati più tesi in seguito a una guerra che, agli occhi di tutto il mondo, pare essere se non una grave sconfitta russa quantomeno un’inaspettata perdita di forza e credibilità.

L’ardua lotta dell’Ucraina e la sua inspiegabile capacità di difesa, unite a un netto schieramento dei paesi più importanti, potrebbero essere le gocce che fanno traboccare il vaso di un’amicizia durata decenni? Difficile dirlo. Ciò che pare abbastanza certo agli esperti, ancora oggi, è che se Putin dovesse ritirarsi a causa della sua possibile malattia non ci sarebbero dubbi su chi dovrebbe sostituirlo: Nikolaj Patrushev è l’unico nome sulla lista.

Che Putin possa ritirarsi dalla guerra è un’idea – un sospetto, un dubbio, una speranza – sorta nelle ultime settimane, a causa della circolazioni di voci più o meno fondate relative a un grave stato di salute del Presidente. Nei giorni scorsi il ministro della Difesa russo, intervistato dalla nostra televisione, non ha né confermato né smentito.

Il colpo di scena è arrivato con Kyrylo Budanov – capo dell’intelligence ucraina – che il 13 maggio è tornato sul tema parlando delle gravi condizioni di Putin dovute a un cancro aggressivo e a uno stato avanzato, tanto che – affermava Budanov – in Russia sarebbe già in corso un preparativo di golpe per rimuoverlo. Un’affermazione però non supportata da alcuna prova e che potrebbe semplicemente far parte di una articolata campagna d’informazione parziale.

In ogni caso difficilmente Putin si farà cogliere impreparato, certamente invece Nikolaj Patrushev sarà pronto a coprirgli le spalle e prendere il suo posto se dovesse servire.


note

Autore immagine: Cremlino.ru, Wikipedia


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube