Diritto e Fisco | Articoli

Quando “toccare” diventa violenza sessuale

5 Ottobre 2014
Quando “toccare” diventa violenza sessuale

Capelli, collo, labbra, viso, cosce: solo le zone erogene, ma non necessariamente quelle genitali, costituiscono violenza sessuale.

Non sempre il toccare una donna fa scattare la violenza sessuale [1] ai suoi danni.

Il codice penale [1] stabilisce che il reato in questione ricorre solo quando si costringe qualcuno (con violenza o minaccia o con abuso di autorità) a subìre atti sessuali. Dunque, il punto focale è definire cosa si debba intendere per “atti sessuali”.

I chiarimenti sono venuti, di recente, da una sentenza della Cassazione [2]. La Suprema Corte ricorda che, in tale nozione (e, quindi, per integrare la violenza sessuale) non bisogna necessariamente toccare le zone genitali, ma è sufficiente anche lambire altre zone purché ritenute erogene dalla scienza (non solo mediatica, ma anche psicologica, antropologica e sociologica).

In altre parole, se toccare l’interno coscia potrebbe far scattare il reato, non altrettanto invece succede nel caso in cui si sfiorino i capelli, le labbra, il collo della donna.

La nozione di “atti sessuali”, infatti, implica necessariamente il coinvolgimento della corporeità sessuale del soggetto passivo, nel senso che gli stessi devono riguardare una zona erogena del corpo altrui, tanto da invadere la sfera sessuale e compromettere l’altrui libertà sessuale.

La vicenda

Nel caso di specie è stato ritenuto non colpevole un tale che aveva costretto un’amica a subire atti sessuali cominciati toccandole i capelli ed apprezzandone la bellezza e proseguiti con carezze sul viso, vicino al mento ed alle labbra e sul collo.

Toccare semplicemente i capelli non implica alcuna limitazione dell’altrui libertà sessuale, tanto più perché la chioma non è considerata una zona “erogena”. Ciò, ovviamente, a condizione che i toccamenti non proseguano oltre.


note

[1] Art. 609 bis cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 40349/14 del 30.09.2014.

Autore immagine: www centromujer .es


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube