Diritto e Fisco | Articoli

No fermo auto per rimborso del credito IVA

6 Ottobre 2014
No fermo auto per rimborso del credito IVA

Imposte indirette: lo stop è incompatibile con il principio Ue di neutralità del tributo.

Il Fisco non può bloccare il rimborso del credito Iva con il fermo amministrativo. È quanto emerge da una recente sentenza della Commissione Tributaria della Lombardia [1].

Secondo i giudici è inapplicabile la norma del fermo amministrativo per due ragioni.

1. Il rimborso del credito Iva prevede – anche se il Dlgs sulle semplificazioni fiscali è destinato a modificare la procedura – che l’esecuzione sia subordinata alla presentazione da parte del richiedente di idonea garanzia fideiussoria e stabilisce che possa essere sospeso soltanto se nel periodo d’imposta vengano contestati reati penali tributari. La specificità della normativa Iva, inoltre, esclude la possibilità di applicare la norma generale relativa al fermo amministrativo contabile. Tale principio è confermato da precedenti sentenze della Cassazione.

2. Anche volendo ritenere insussistente tale rapporto di specialità, in ogni caso la legge italiana risulterebbe incompatibile con il principio comunitario di neutralità dell’imposta: l’erogazione del rimborso sarebbe preclusa sino al momento in cui non viene accertata, con sentenza passata in giudicato, l’infondatezza delle ragioni del credito poste dall’amministrazione a fondamento del provvedimento di fermo.

L’interesse erariale, comunque, è tutelato perché subordina il rimborso alla prestazione di garanzia di durata pari a quella in cui si rende possibile l’insorgenza del credito erariale.


note

[1] CTR Lombardia sent. n. 3932/2014.

[2] Cass. sent. nn. 10199/03, 7952/04, 27265/06 e 5424/09.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube