In arrivo le nuove bollette energetiche: cosa cambia

20 Maggio 2022 | Autore:
In arrivo le nuove bollette energetiche: cosa cambia

Dai dati su consumi e spese alle modalità di gestione delle controversie: gli strumenti in più messi a disposizione del consumatore

Si registra un nuovo scatto in avanti per la cosiddetta bolletta 2.0, dopo l’introduzione nel 2015 e la modifica del 2021. A partire dal 2023, una serie di voci aggiuntive aiuterà l’utente a capirci qualcosa di più. È la delibera 209/2022/R/com dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente a segnare la svolta: la stessa diverrà operativa dal 1° gennaio 2023 e porterà diverse novità per gli utenti. L’obiettivo resta quello di favorire gli utenti alla comprensione di voci e spese non sempre chiare, in nome della trasparenza e dell’accuratezza delle informazioni presenti in bolletta.

Innanzitutto, nelle fatture verrà definito con chiarezza il periodo corrispondente al consumo annuo per i clienti finali: tecnicamente, il dato servirà ad operare una standardizzazione tra le forniture di gas e luce. Ma non è questa l’unica novità nelle bollette energetiche: l’Arera stabilisce infatti l’introduzione di un codice di riferimento alfanumerico che identifichi la tariffa commerciale applicata all’utente.

Sarà poi presente una sezione dedicata alla spesa annua sostenuta: si tratta della somma delle spese riportata nelle ultime 12 mensilità, senza considerare importi come il Canone Rai, altre partite, o indennizzi o importi per servizi o prodotti aggiuntivi previsti nell’offerta.

Dal 1° gennaio 2023, si applicherà poi ai contratti del mercato libero una regola già operativa per le fatture delle forniture della maggior tutela, vale a dire lo scorporo delle voci relative a oneri di spesa e costi per il contatore.

Particolarmente interessante è poi la sezione dedicata ad una gestione più trasparente delle controversie: in bolletta dovrà infatti essere chiarita almeno una modalità di risoluzione extragiudiziale di eventuali controversie, alla quale il venditore dovrà prendere parte obbligatoriamente.

Un altro strumento che gli utenti avranno a disposizione sarà quello della presenza direttamente in bolletta dei link per raggiungere online il Portale Offerte – su cui è possibile ottenere e confrontare informazioni e tariffe -, lo Sportello per il consumatore Energia e Ambiente – utile fra le altre cose per reperire ulteriori informazioni sulla risoluzione delle controversie – e il Portale Consumi, per mettere a confronto i consumi effettuati nella stessa stagione in anni diversi.

Arera, inoltre, non ammette la possibilità di bollette oscure o difficili da comprendere. Si legge nel provvedimento che la formulazione della comunicazione deve «garantire il diritto dei clienti finali di ricevere in maniera gratuita bollette e informazioni di fatturazione accurate, facilmente comprensibili, chiare, concise, di facile consultazione e idonee a facilitare confronti con i servizi offerti da altri fornitori». In buona sostanza, questo punto, si rifletterà nella menzione in bolletta di nome e recapiti del fornitore, della data di scadenza del contratto e simili.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube