Diritto e Fisco | Articoli

Qual è lo spazio di manovra dall’uscita del garage?

28 Maggio 2022
Qual è lo spazio di manovra dall’uscita del garage?

Sono proprietario di un garage in un condominio. Il garage ha l’accesso da un’area scoperta comune con il proprietario del garage adiacente, il quale reclama il diritto di parcheggiare nell’area prospiciente rendendo difficoltosa l’entrata e l’uscita del veicolo. Vorrei avere conferma se esiste una normativa che prevede una distanza minima di 5 m per lo spazio di manovra dall’uscita del garage entro la quale non può essere parcheggiato un veicolo.

L’art. 3.6.3 del Decreto ministeriale del 01.02.1986 (Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l’esercizio di autorimesse e simili) afferma che “Le corsie di manovra devono consentire il facile movimento degli autoveicoli e devono avere ampiezza non inferiore a 4,5 m e a 5 m nei tratti antistanti i box, o posti auto, ortogonali alla corsia”.

La normativa si riferisce tuttavia ai locali coperti destinati ad autorimesse e, in particolare, a quelle aventi capacità di parcamento superiore a nove autoveicoli. Inoltre, essa fa riferimento all’ampiezza della corsia di manovra, intesa dal punto di vista strutturale, cioè della dimensione della strada, non allo spazio residuo nel caso di parcheggio antistante. Non sembra quindi potersi adattare al caso di specie.

Esistono invero norme del Codice della strada che stabiliscono alcune misure (come, ad esempio, la larghezza della corsia di marcia), ma va ricordato che il Codice della strada non si applica alle aree non aperte al pubblico, come pare essere quella oggetto del quesito, riservata solamente ai due proprietari.

Piuttosto, trattandosi di area di proprietà comune, trova applicazione l’art. 1102 cod. civ., secondo cui “Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto”.

Nel caso esposto nel quesito, il parcheggio del vicino potrebbe comprimere illegittimamente il diritto dell’altro comproprietario di poter utilizzare lo spazio comune, incidendo peraltro anche sull’utilizzo del bene privato (il garage).

Secondo la Corte di Cassazione (Cass., 5 ottobre 2009, sent. n. 21256), si deve ritenere che la legge abbia conferito a ciascun partecipante al condominio la facoltà di trarre dalla cosa comune la più intensa utilizzazione, purché ciò sia compatibile con i diritti degli altri, essendo i rapporti condominiali informati al principio di solidarietà, il quale richiede un costante equilibrio fra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione.

In sintesi: a parere dello scrivente, non esiste una distanza minima per lo spazio di manovra dall’uscita del garage entro la quale non può essere parcheggiato un veicolo. Trattandosi di area comune, ciascuno può servirsene in modo tale, però, da non danneggiare il diritto dell’altro.

Nel caso di specie, se lo spazio di manovra è talmente ridotto da rendere effettivamente difficoltosi l’ingresso e l’uscita dal garage, allora bisognerà diffidare per iscritto il vicino occupante, chiedendogli di non mettere in sosta il proprio veicolo in detta area.

Peraltro, ci si potrebbe appellare anche al regolamento, se ci sono disposizioni a riguardo, ovvero chiedere l’intervento dell’amministratore, trattandosi di beni condominiali.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Mariano Acquaviva



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube