Cronaca | News

Gli Usa minacciano la guerra alla Cina

23 Maggio 2022
Gli Usa minacciano la guerra alla Cina

Biden: se Pechino attacca Taiwan, gli Stati Uniti sono pronti ad intervenire con forze militari.

Si accende un altro fronte caldo nello scacchiere internazionale. Dopo l’annuncio da parte di Joe Biden di voler inviare delle truppe a proteggere l’ambasciata Usa a Kiev, ora il presidente Usa rilancia: nel caso servisse, Washington è pronta a usare la forza per difendere Taiwan e impedire che la Cina la invada.

Affermazioni che, ancora una volta, hanno destato stupore e che, solo in un secondo momento, sono state precisate dallo stesso inquilino della Casa Bianca: nel corso della sua visita di Stato in Giappone, Biden ha spiegato che «la pace e la stabilità devono essere mantenute», ma lasciando ben in chiaro da che parte stanno gli Stati Uniti. Si tratta di un passaggio storico importante: fino ad ora, infatti, Washington non si era mai schierato apertamente con Taiwan, seppur inviare armi e mostrare la sua la bandiera nello Stretto di Taiwan lasciasse ben poco alla fantasia.

Durante questa visita istituzionale però Biden ha abbandonato la «dottrina dell’ambiguità strategica» rilasciando una dichiarazione molto chiara.

Secondo quanto raccontato dal Financial Times alla fine di aprile si era tenuta a Pechino una riunione d’emergenza nella quale si era discusso di una strategia per evitare che eventuali sanzioni volute dagli Stati Uniti in futuro possano colpire anche le banche cinesi. Secondo fonti interne l’idea è però che, a differenza di quanto avvenuto con la Russia, «se la Cina attaccasse Taiwan, il disaccoppiamento delle economie cinese e occidentali sarebbe molto più duro di quello con l’economia russa, perché l’impronta economica della Cina tocca ogni parte del mondo».

Naturalmente c’è chi dubita che, se anche la Cina attaccasse Taiwan, al di là della guerra gli Stati Uniti realmente taglierebbero i ponti economici con la seconda economia più importante del mondo, andando così a causare probabilmente una delle più grandi crisi economiche degli ultimi anni. Una mossa distruttiva non solo per entrambe le parti ma per l’intera economia globale, incapace di reggere anche questo duro colpo.

Prima delle parole di Biden, il ministro degli Esteri di Pechino, Wang Yi, aveva dichiarato che «coloro che tentano di isolare la Cina con qualsiasi struttura alla fine si isoleranno», criticando durante la strategia Indo-Pacifica degli Usa, il piano che il presidente statunitense ha varato a Tokyo e che prevede investimenti e rafforzamento dei rapporti commerciali nell’aerea.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube