Diritto e Fisco | Articoli

Ferie: calcolo sulla retribuzione base o su quella globale?

7 ottobre 2014 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 ottobre 2014



Non esiste una norma specifica sui criteri di calcolo della retribuzione feriale; tuttavia, secondo il diritto comunitario, occorre considerare la retribuzione globale di fatto e non quella di base.

 

Nel calcolo della retribuzione spettante al lavoratore per i giorni di ferie deve considerarsi la retribuzione complessiva e non la busta paga base.

È quanto affermato da una recente pronuncia della Corte di Giustizia europea [1], secondo la quale non sono conformi al diritto comunitario le norme e le prassi degli Stati membri che calcolano la retribuzione feriale sulla sola busta paga base.

Secondo i giudici comunitari, nel compenso spettante al lavoratore per i giorni di assenza per ferie, dovrebbero considerarsi anche tutte le voci remunerative che concorrono a formare la retribuzione globale di fatto (per esempio maggiorazioni per lavoro straordinario e bonus vari). Sarebbero escluse dal calcolo solo le voci retributive occasionali.

Ciò vuol dire che, per esempio, il lavoratore addetto alle vendite che percepisce una retribuzione base e una provvigione sulle vendite realizzate, ha diritto ad una retribuzione feriale comprensiva della provvigione stessa.

In Italia non esiste una norma specifica che detti i criteri di calcolo della retribuzione feriale.

Sono i contratti collettivi a stabilire se la retribuzione per i giorni di ferie debba basarsi sulla busta paga base oppure sulla retribuzione globale di fatto [2]. Di conseguenza il calcolo non è omogeneo e varia da settore a settore.

La sentenza della Corte di Giustizia, se recepita come fonte del diritto [3], potrebbe porre fine a tale disomogeneità e stabilire una volta per tutte il riferimento alla retribuzione globale di fatto.

Ciò costringerebbe i giudici italiani a disapplicare le regole contrattuali che prevedono il riferimento alla paga base e le aziende a ricalcolare gli importi dovuti dai dipendenti per i giorni di ferie.

note

[1] C. Giust. dell’Unione Europea, C-539/12 del 22.05.14.

[2] Cass. sent. n. 1226/2004.

[3] Secondo l’orientamento della giurisprudenza italiana, le sentenze della Corte di Giustizia hanno valore di fonte del diritto comunitario e, sulla base di esse, i giudici interni sono tenuti a disapplicare le norme nazionali che confliggono con quelle comunitarie.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI