Politica | News

Perché Renzi vuole togliere il Reddito di cittadinanza

24 Maggio 2022
Perché Renzi vuole togliere il Reddito di cittadinanza

Il leader di Iv ha annunciato che dal 15 giugno partirà la raccolta di firme per chiedere di abolire il sussidio. Guerra tra ex premier?

Fiore all’occhiello del Movimento 5 Stelle, il Reddito di cittadinanza è da sempre punto nevralgico di dibattiti politici e sociali, criticato da destra e sinistra e appoggiato da pochi. Mai particolarmente apprezzato neppure da Mario Draghi, che da buon economista e banchiere ha sempre sdegnato la pericolosa distribuzione di denaro gratuito. Quello che potrebbe – almeno a parole – essere il colpo di grazia al Reddito di cittadinanza, arriva oggi da Matteo Renzi, dopo i recenti affondi di Fratelli d’Italia. Proprio l’ex presidente del Consiglio, da tempo in aperta guerra con l’altro ex presidente del Consiglio e oggi leader pentastellato, Giuseppe Conte, ha annunciato una raccolta firme volta a eliminare lo strumento di sostegno alle famiglie in difficoltà introdotto con tanto orgoglio dai 5 Stelle.

«Vogliamo abolire il Reddito di cittadinanza e dal 15 giugno partirà la raccolta ufficiale di firme. Ma vogliamo soprattutto cambiare il mondo del lavoro per i più giovani», ha sentenziato Renzi in un post sui suoi canali social.

Poi, puntando il dito verso l’ex Governo a guida 5 Stelle-Lega, il leader di Italia Viva ha affermato: «Oggi siamo al paradosso, un ministro della Lega ha proposto un decreto flussi per 350mila immigrati perché non si trovano forze. Il Reddito di cittadinanza non ha risolto il problema della povertà e non ha risolto il problema del lavoro, ma ha dato un messaggio diseducativo. Il punto è insegnare ai ragazzi a uscire dalla rassegnazione.»

La risposta di Conte, naturalmente, è giunta repentina per difendere a spada tratta la «sua creatura». L’intervento, come spesso succede, è avvenuto tramite un lungo post su Facebook in cui l’ex premier ha messo nel mirino i due grandi detrattori della misura: Giorgia Meloni e Matteo Renzi.

«Alcune settimane fa il partito di Meloni ha lanciato una brillante proposta: togliere Reddito e pensioni di cittadinanza agli italiani che non riescono a sopravvivere per investire sulle armi, con occhio molto attento alle lobby di settore. – afferma Conte – . Nella guerra agli ultimi, spicca anche il redivivo Renzi, che non accetta mai di farsi superare, soprattutto negli errori: ha appena annunciato di voler raccogliere le firme per togliere a centinaia di migliaia di famiglie, di giovani precari, anziani e disabili un reddito che gli permette di arrivare a fine mese. Il programma è già pronto: un giorno sarà ai banchetti per togliere aiuti alle fasce di popolazione in difficoltà economica e un altro in Arabia Saudita per continuare le sue conferenze lautamente retribuite che magnificano il rinascimento democratico, giusto per arrotondare lo stipendio da senatore. Meloni e Renzi si intendono benissimo, soprattutto su un punto: forti con i deboli e molto sensibili, invece, verso gli interessi di chi già conta, e tanto. Orgogliosi di dare voce a chi, per questa politica lontana dalla realtà, è solo un rumore di fondo. A chi per loro non conta», conclude il presidente del M5S.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube