Cronaca | News

Cosa vogliono gli Stati Uniti da Taiwan?

25 Maggio 2022
Cosa vogliono gli Stati Uniti da Taiwan?

La protezione americana dell’isola cinese è legata a un interesse economico e, pur senza riconoscerla come indipendente, gli USA continueranno a difenderla.

Si sta parlando tanto della difesa degli Stati Uniti su Taiwan, dell’intento di non consentire alla Cina l’invasione e di mantenere al contempo la famosa “ambiguità strategica” americana verso questa isola che sembra essere così importante. Ma perché Taiwan è così rilevante?

A ben vedere, l’importanza di Taiwan è triplice. Dal punto di vista di Pechino c’è innanzitutto una rilevanza di integrità nazionale e, oramai, anche di orgoglio (che per la cultura cinese è tutt’altro che trascurabile). In secondo luogo, l’indipendenza della «Repubblica di Cina», così si autodefinisce Taiwan, potrebbe rappresentare una visione di Cina alternativa rispetto a quella imposta e sorretta dal Partito comunista. Un rischio che la Cina non sarà mai disposta a correre.

L’importanza che l’isola ricopre per Washington, invece, come banalmente si può immaginare, è prettamente economica. Taiwan, infatti, svolge un prezioso ruolo di monitoraggio della Cina con annesso contenimento marittimo. L’obiettivo degli Stati Uniti è quello di impedire che Pechino possa conquistarsi l’egemonia sul Mar Cinese meridionale espandendosi verso l’Oceano Pacifico. Non è certo un segreto, infatti, che la Cina ambisca a ottenere il primato – ad oggi americano – del dominio sugli stretti e sui mari.

Va in ogni caso specificato che ufficialmente la politica statunitense di «ambiguità strategica» verso Taiwan non è cambiata. Questa strategia fino ad oggi ha garantito una stabilità nel triangolo Cina-Usa-Taiwan scoraggiando Pechino da un’azione militare, e dissuadendo l’isola a muoversi verso una pericolosa dichiarazione di indipendenza.

Gli Stati Uniti continuano a riconoscere una sola Cina (comunque sostenendo, ma non legittimando, Taiwan): ad affermarlo è lo stesso presidente americano Joe Biden, a margine del vertice Quad (Stati Uniti, India, Australia, Giappone) a Tokyo. Quando una giornalista gli ha chiesto se il suo Paese manderà delle truppe a Taiwan in caso di invasione cinese, Biden, facendo un’enorme giravolta, ha chiarito: «La politica non è cambiata affatto. L’ho detto quando ho parlato ieri».

In realtà, il giorno prima il presidente degli Stati Uniti era stato molto meno diplomatico, e dopo il passato annuncio di voler inviare le sue truppe a proteggere l’ambasciata Usa a Kiev, ieri ha rilanciato affermando che nel caso servisse, Washington sarebbe pronta a usare la forza per difendere Taiwan e impedire che la Cina la invada.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube