HOME Articoli

Lo sai che? Autovelox: multa nulla se la volante della polizia è coperta da altra auto a bordo strada

Lo sai che? Pubblicato il 8 ottobre 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 8 ottobre 2014

La postazione mobile del rilevamento deve essere visibile.

Che prima dell’autovelox vi debba essere il cartello con l’avviso è circostanza ormai nota a tutti. Così come è noto che l’apparecchio nascosto dietro la siepe è stato ritenuto una “truffa” ai danni degli automobilisti (ne sanno qualcosa diverse amministrazioni che hanno dovuto subire il sequestro delle macchinette di controllo elettronico della velocità).

L’applicazione di tale precetto che, però, appare originale viene da una sentenza di ieri del Giudice di Pace di Busto Arsizio (in provincia di Varese) [1]. Secondo il magistrato onorario è nulla la multa effettuata con l’autovelox se la pattuglia della polizia locale che effettua il rilevamento a bordo strada è coperta da un’altra vettura civile e gli automobilisti in transito rischiano di non vederla. Ed è quanto, per esempio, potrebbe avvenire allorché i vigili, pur lasciando l’apparecchio di rilevamento acceso, hanno comunque fermato un’altra auto e stanno provvedendo all’identificazione del conducente e alla contestazione dell’eccesso di velocità.

Insomma, se è vero che l’auto della polizia deve essere sempre visibile, nell’ipotesi in cui sia stata fermata l’auto di un privato per la contestazione di rito, qualora quest’ultima nasconda agli altri automobilisti la visuale dell’autovelox, la multa è nulla.

Nel caso di specie è stata decisiva la testimonianza di un altro automobilista che passava per la strada incriminata e che ha confermato, innanzi al giudice di pace, che, durante il rilevamento elettronico, la pattuglia dei vigili urbani era coperta da un’altra auto ferma, da ritenersi civile perché anonima, con dentro un uomo in borghese; tutto ciò impediva di scorgere la macchina della polizia, che aveva i lampeggianti spenti: il tutto mentre le circolari ministeriali impongono che quando la postazione di rilevamento è mobile la pattuglia deve avere le luci di crociera accese o segnali luminosi lampeggianti. E ciò oltre al fatto che il controllo elettronico della velocità deve essere segnalato in anticipo a una congrua distanza, requisito che costituisce un presupposto dell’accertamento.

Controllate, inoltre, che il segnale stradale che indica la velocità massima nel centro abitato risulti in regola: tale non è per esempio se contiene una serie di altre scritte non attinenti la sua funzione principale (del tipo “Benvenuti a”, per la precisione “Uno dei cento comuni della piccola grande Italia”).

note

[1] G.d.P. Busto Arsizio, sent. n.585/14 del 7.10.2014 (magistrato onorario Laura Sardini).

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Io ho un caso molto vicino ma non uguale a questo. Ho risparmiato 608 euro di multa. Se necessitate di info per un articolo non avete che da chiedere.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI