Esenzione bollo auto: i tempi si accorciano

9 Ottobre 2014
Esenzione bollo auto: i tempi si accorciano

In aula già da venerdì.

Addio bollo auto, ma solo per tre anni (5 anni per chi ha un’auto green) e unicamente per chi acquisterà un’auto nuova. La notizia che ieri ha fatto registrare il boom di condivisione sui social network (leggi “Addio bollo auto”) sembra aver trovato il consenso unanime dei politici perché i tempi saranno più celeri di quelli preventivati.

È infatti di poche ore fa l’annuncio secondo cui l’Aula della Camera esaminerà, già a partire da domani, venerdì 10 ottobre, la proposta di legge sulla riforma del bollo auto: lo ha stabilito ieri la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

Insomma, una corsia preferenziale per quella che risulta già essere la misura più discussa dell’anno, pronta a dividere in due le opinioni della gente. L’indice viene puntato contro un sistema che andrebbe a privilegiare chi, avendo la disponibilità economica, può permettersi una nuova auto. In realtà il bonus va letto semplicemente come un incentivo fiscale a tempo limitato e non già come una misura sperequativa a favore di alcuni cittadini.

Certo è che, se la norma troverà l’appoggio dei Comuni, sarà difficile comunque pensare che un cittadino, pur di risparmiare 200-300 euro di bollo all’anno, ne spenda in media 15mila.

In sintesi, con la proposta Capezzone, chi acquista un’auto nuova non paga il bollo auto per tre anni (5 anni, in caso di auto green). Trascorso questo tempo, varrà la logica del «”più inquini, più paghi”, con una tassa commisurata alle emissioni. In più, in questo secondo caso solo per i veicoli green, si fa salire al 40% il livello di deducibilità per le auto aziendali. Una misura che andrebbe incontro sia ai consumatori, sia all’industria automobilistica, perché dovrebbe  – secondo le intenzioni dei relatori – spingere l’acquisto di nuovi mezzi. Ma, come detto, su quest’ultimo punto è bene non fare i conti senza l’oste: gli italiani sono risparmiatori di natura e i conti li sanno fare bene…


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

APPROFONDIMENTI

8 Ott 2014 | di Redazione

Addio bollo auto

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube