Facebook e Instagram: in arrivo novità sulla privacy

26 Maggio 2022 | Autore:
Facebook e Instagram: in arrivo novità sulla privacy

La società Meta ha iniziato a inviare ai suoi utenti i dettagli su una nuova policy in materia di trattamento di dati che sarà attiva da fine luglio 2022.

Le precauzioni sulla violazione della privacy non sono mai abbastanza quando si tratta dell’esposizione degli utenti sui social network. Ecco, allora, che Meta, la società a cui fanno capo i colossi delle reti social Facebook e Instagram, ha elaborato un nuovo piano per rendere ancora più trasparente il modo in cui intende proteggere i dati personali delle centinaia di milioni di iscritti che quotidianamente pubblicano immagini e commenti o chattano su queste piattaforme.

Nello specifico, Meta ha riscritto e riprogettato l’Informativa sulla privacy, per renderla più facile da capire e più chiara rispetto a come utilizza le informazioni degli utenti. È quanto rende noto un post di Michel Protti, Chief Privacy Officer of Product di Meta, pubblicato oggi nella Newsroom. Nonostante il linguaggio appaia diverso in molti punti, questo aggiornamento delle policy non consente di raccogliere altri tipi di dati o di utilizzarli in modalità differente.

L’obiettivo «è quello di essere più chiari e trasparenti, aggiungendo maggiori dettagli ed esempi delle nostre pratiche in materia di dati. Abbiamo anche introdotto – spiega Meta, società ‘madre’ di Facebook – nuovi controlli per gestire gli argomenti su cui gli utenti desiderano vedere gli annunci e sapere chi vede i loro post».

Anche se gli utenti inizieranno a ricevere le notifiche già da oggi, questa nuova versione entrerà in vigore il 26 luglio 2022. A partire da oggi, il nuovo Centro per la Privacy supporta l’Informativa sulla privacy, rendendola facilmente disponibile e accessibile, insieme agli strumenti di Meta per la privacy.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube