Diritto e Fisco | Articoli

Medici: cellulare vietato alla guida

9 Ottobre 2014
Medici: cellulare vietato alla guida

La telefonata del paziente non scrimina dall’illecito.

Non può invocare lo stato di necessità il medico multato per guida con cellulare in mano, se riceve una telefonata del suo primario per parlare di un paziente in pericolo di vita. Lo ha detto la Cassazione con una sentenza recente [1], rafforzando il proprio orientamento rigorista sullo stato di necessità.

Decisivo soprattutto il fatto che in questo caso si trattava di una chiamata ricevuta e quindi il trasgressore non poteva sapere a priori – cioè prima di rispondere al telefono mentre guidava – che era dovuta a un’emergenza. E, se lo avesse saputo, avrebbe dovuto prepararsi con auricolare o viva voce.

Una cosa, infatti, è chiamare, mentre un’altra è ricevere una telefonata, quando ancora non se ne conosce il contenuto.

Insomma, anche nel caso di emergenza, se il sanitario, prima di mettersi al volante, si è premunito di cuffiette, Bluetooth o vivavoce, può mettersi nelle condizioni di aggrapparsi a un presunto stato di necessità del paziente.


note

[1] Cass. sent. n. 21266/14.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube