Cronaca | News

Zelensky tende la mano a Putin

27 Maggio 2022
Zelensky tende la mano a Putin

Il leader ucraino ha annunciato di voler parlare col capo del Cremlino per trovare un accordo che metta fine a questa guerra e al «genocidio» nel Donbass. 

Sono passati tre mesi da quando la Russia ha dato il via alla guerra. In questo periodo il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha sempre chiesto aiuto all’Occidente condannando fermamente l’attacco subito ma allontanando ogni ipotesi di accordo con Putin. Ora però, forse complice il tentativo del presidente russo di riagganciare i rapporti con l’Occidente effettuato con la telefonata di ieri al Premier Draghi, Zelensky fa un passo avanti verso l’invasore. «Sarà necessario parlare con Putin per mettere fine a guerra» ha infatti dichiarato il presidente.

«Non sto dicendo che la nostra gente è ansiosa di parlare con lui, ma dobbiamo affrontare la realtà che stiamo vivendo. E per questo sarà necessario parlare con il presidente russo Vladimir Putin per porre fine allo scontro.» Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un intervento davanti un think tank indonesiano.

«Cosa vogliamo da questo incontro? Rivogliamo le nostre vite. Vogliamo rivendicare la vita di un Paese sovrano all’interno del proprio territorio» ha affermato il presidente ucraino, aggiungendo però che la Russia non sembra ancora pronta a colloqui di pace seri. Lo stesso Draghi ieri, alla domanda se Putin fosse pronto a parlare di pace, ha risposto con un secco «No».

Poco prima di questa dichiarazione, Zelensky aveva accusato la Russia di aver compiuto un genocidio nel Donbass, regione contesa nell’est del Paese. «L’attuale offensiva degli occupanti nel Donbass potrebbe rendere la regione disabitata», aveva detto Zelensky in un discorso diffuso nelle scorse ore, nel quale ha accusato le forze russe di voler «ridurre in cenere» diverse città della regione.

«La Russia pratica “la deportazione” e “le uccisione di massa di civili” nel Donbass» aveva proseguito il leader ucraino, secondo cui «tutto ciò è un’evidente politica di genocidio portata avanti dalla Russia».


note

Immagine tratta da Wikpedia 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube