Cronaca | News

Nuova strategia dei vescovi contro gli abusi nella Chiesa

27 Maggio 2022 | Autore:
Nuova strategia dei vescovi contro gli abusi nella Chiesa

Il nuovo presidente della Cei annuncia, al termine dell’assemblea generale, il potenziamento dei centri di ascolto e il primo report sui casi di pedofilia.

È ora di agire. E il neopresidente dei vescovi italiani Matteo Zuppi, nominato a capo della Conferenza episcopale una manciata di giorni fa, non ha perso tempo: insieme ai prelati che partecipano all’assemblea generale della Cei, ha messo a punto «cinque linee di azione per una più efficace prevenzione del fenomeno degli abusi sui minori e sulle persone vulnerabili». In altre parole, il cardinale Zuppi è intenzionato ad estirpare dalla Chiesa, per quel che gli compete, il cancro della pedofilia.

La Cei si propone di potenziare i centri di ascolto, già presenti nel 70% delle diocesi italiane. Ma soprattutto, rispondendo all’annosa richiesta delle vittime degli abusi, realizzerà il primo report nazionale sulle attività di prevenzione e formazione e sui casi di abuso segnalati o denunciati alla rete dei Servizi diocesani e interdiocesani negli ultimi due anni (2020-2021). I dati saranno raccolti e analizzati da un Centro accademico di ricerca.

«I report – spiegano i vescovi al termine dell’assemblea generale – avranno poi cadenza annuale e costituiranno uno strumento prezioso per migliorare, in termini di qualità ed efficacia, l’azione formativa dei Servizi e quella di accoglienza e ascolto dei Centri. Daranno poi un segnale di trasparenza, dal momento che saranno resi pubblici».

Le Chiese che sono in Italia – proseguono i prelati – hanno accolto così l’invito rivolto da Papa Francesco alla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, che ha chiesto «un rapporto sulle iniziative della Chiesa per la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili. Quello che scaturirà sarà un monitoraggio permanente dei dati, via via raccolti, e dell’efficacia delle attività messe in campo».

Come accennato, è già da tempo che le associazioni delle vittime di abusi chiedono un’indagine indipendente su questo fenomeno, dossier che già vengono elaborati in Paesi come la Francia, la Germania o la Spagna. «Grazie a un nuovo spazio di collaborazione aperto negli ultimi mesi con la Congregazione per la Dottrina della Fede, sarà possibile conoscere e analizzare, in modo quantitativo e qualitativo, i dati custoditi presso la medesima Congregazione, garantendo la dovuta riservatezza» rassicura il documento conclusivo dell’assemblea della Cei. Il report – prevede il presidente Mario Zuppi – sarà pronto entro il 18 novembre 2022.

Il cardinale Zuppi vuole «aprire una nuova strada italiana» contro gli abusi «con serietà, perché lo dobbiamo alle vittime. Non vogliamo sfuggire: all’interno della Chiesa italiana non ci sono resistenze».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube