Diritto e Fisco | Articoli

Fototrappole dei Comuni per strada: sono legali?

31 Maggio 2022 | Autore:
Fototrappole dei Comuni per strada: sono legali?

Per rispettare la privacy, quali requisiti devono avere i sistemi di videosorveglianza installati per combattere l’abbandono e lo smaltimento illecito dei rifiuti?

Per combattere il deplorevole e incivile fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti, molti Comuni italiani piazzano delle fototrappole sulle strade, e le posizionano specialmente in prossimità delle aree di raccolta, come i punti di ubicazione dei cassonetti, le isole ecologiche e le eco-piazzole. In questo modo, è facile controllare le targhe dei veicoli che giungono sul posto e lasciano lì rifiuti non consentiti. Ma queste fototrappole dei Comuni per strada sono legali? Se lo chiedono in molti, e non soltanto chi è stato beccato e sanzionato per aver scaricato in aree pubbliche materiali edili o sostanze pericolose.

Fototrappole e privacy dei cittadini

Il tema della legalità o meno di questi dispositivi di foto o di videoripresa rientra nella normativa sulla protezione dei dati personali – la privacy – perché installare sistemi di videosorveglianza, muniti di telecamere ed anche di fototrappole, costituisce indubbiamente un trattamento di dati e deve rispettare la normativa in materia: lo ha ricordato il Garante privacy in un recente provvedimento [1] che ha severamente sanzionato, con 20mila euro di multa, un Comune per aver installato le fototrappole senza rispettare i requisiti di legge.

L’Autorità è intervenuta su segnalazione di un cittadino che aveva reclamato per la presenza, non segnalata, di alcune fototrappole nel territorio comunale; inoltre, il Comune non aveva risposto alla sua richiesta sul motivo della raccolta dati e sulle modalità di utilizzo. A nulla è valso per l’Ente locale affermare che le fototrappole erano state montate «a solo scopo di dissuasione», in quanto erano prive di scheda e batteria, e perciò non erano effettivamente funzionanti: la normativa andava rispettata lo stesso.

Fototrappole: cosa sono?

Le fototrappole sono sistemi di videosorveglianza che, grazie a dei sensori, si attivano automaticamente in base ai movimenti di “corpi caldi” (persone, autoveicoli con motore acceso e anche animali di grossa taglia) che avvengono nella zona monitorata. In questo modo, quando registrano un passaggio, iniziano a scattare foto o a filmare video della scena, registrando i dati in una scheda di memoria interna o trasmettendoli a distanza.

I modelli più recenti di fototrappole sono di piccole dimensioni, funzionano anche di notte e sono praticamente invisibili per chi transita nell’area. Nei luoghi esterni e nelle zone pubbliche, le fototrappole vengono apposte su strutture fisse già esistenti, come pali della luce, tronchi d’albero, cartelli stradali, muri o grondaie, cercando il più possibile di mimetizzarle con l’ambiente circostante; ma questa pratica, come vedremo fra poco, non è legittima.

Fototrappole: come vengono usate?

La Polizia municipale è in grado di monitorare le immagini riprese dalle fototrappole grazie a sistemi di trasmissione dei dati in tempo reale sui server del Comando o sugli smartphone degli agenti, che consentono loro di intervenire, all’occorrenza, anche nell’immediatezza, se una pattuglia si trova in zona. Altrimenti le foto scattate serviranno come prova per identificare il responsabile dell’abbandono illecito di rifiuti, che sarà sanzionato in un momento successivo. Facciamo un esempio concreto.

A fine giornata, il camioncino di una ditta edile che ha eseguito lavori di ristrutturazione in una casa si ferma in una piazzola di sosta. Un operaio scende e scarica in modo incontrollato calcinacci e materiali di risulta, buttandoli sulla carreggiata e nel burrone sottostante. La fototrappola riprende tutta la scena; il titolare dell’impresa, identificato dal volto e dalla targa del mezzo, viene verbalizzato e sanzionato.

Fototrappole e videosorveglianza: normativa privacy 

In base alla normativa sulla privacy, il trattamento di dati personali mediante sistemi di videosorveglianza, come le fototrappole, è consentito, da parte dei soggetti pubblici, quando è necessario per adempiere un obbligo legale e quando serve «per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all’esercizio di pubblici poteri» [2].

Inoltre, il titolare del trattamento, anche quando è un Ente pubblico, deve sempre rispettare i principi di protezione dei dati, tra i quali quelli di «liceità, correttezza e trasparenza» e di «limitazione della conservazione» per un periodo di tempo non eccedente il conseguimento delle finalità del trattamento [3].

In un parere del 2010, l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali ha affermato che «l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza è lecito se risultano inefficaci o inattuabili altre misure nei casi in cui si intenda monitorare il rispetto delle disposizioni concernenti modalità, tipologia ed orario di deposito dei rifiuti, la cui violazione è sanzionata amministrativamente» [4].

Fototrappole: requisiti per l’installazione

Una fototrappola è un sistema di videosorveglianza a tutti gli effetti e come tale deve rispettare la normativa sul trattamento dei dati personali che abbiamo sintetizzato nel paragrafo precedente. Pertanto, il Comune che vuole installare le fototrappole per contrastare l’illecito abbandono e smaltimento di rifiuti sul proprio territorio deve porre in essere questi tre essenziali adempimenti:

  • munirsi di un Regolamento comunale sulla videosorveglianza che disciplini le modalità di trattamento, le finalità della raccolta dei dati e i tempi di conservazione di immagini e filmati;
  • redigere un’informativa sul trattamento dei dati personali, da esibire a chiunque la richieda e ne abbia interesse;
  • apporre nella zona monitorata dei cartelli informativi che avvertano chi transita della presenza delle fototrappole.

Il Garante privacy ha precisato che il cartello di avviso deve consentire all’interessato «di riconoscere facilmente le circostanze della sorveglianza, prima di entrare nella zona sorvegliata», ma non è necessario rivelare il punto di ubicazione della telecamera o della fototrappola, «purché non vi siano dubbi su quali zone sono soggette a sorveglianza e sia chiarito in modo inequivocabile il contesto della sorveglianza».

Approfondimenti

Per ulteriori informazioni leggi:


note

[1] Garante protezione dati personali, ord. n. 119 del 07.04.2022.

[2] Art. 6. Reg. UE n. 2016/679 (Gdpr).

[3] Art. 5, par. 1, lett. a) ed e) Reg. UE n. 2016/679.

[4] Garante privacy, provv. n. 1712680 del 08.04.2010 e art. 13 L. n. 689/1981.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube