Diritto e Fisco | Articoli

Si può fare testamento su YouTube?

31 Maggio 2022
Si può fare testamento su YouTube?

Testamento olografo tramite video pubblicato su una piattaforma online: che validità ha?

Semmai volessi fare testamento ma, per rendere indelebili le tue volontà ed evitarne la dispersione o l’alterazione, volessi realizzare un file video per poi pubblicarlo su una piattaforma online, che valore avrebbe? Si può fare testamento su YouTube?

La questione del testamento tramite tecnologie digitali è al centro di numerosi dibattiti. La legge ha cercato di rimanere al passo con le mutate tecnologie informatiche. Lo ha fatto dando prima valore legale alla firma digitale, strumento che, come noto, garantisce l’identità del sottoscrittore del documento digitale al pari di come potrebbe essere l’autentica notarile. Poi, è intervenuta la Pec, la cosiddetta «posta elettronica certificata» che invece è un’email che, oltre a fornire la data certa dell’invio del documento e del ricevimento da parte del suo destinatario, attesta anche l’esatto contenuto del messaggio.

Tuttavia, nessuna delle norme che consentono di adattare le nuove tecnologie ai documenti giuridici ha mai previsto un testamento realizzato tramite computer. Cerchiamo allora di comprendere se si può fare un testamento su YouTube.

Si può fare un testamento in casa?

La legge prevede la possibilità di realizzare un testamento “casalingo”, senza cioè bisogno del notaio. È il cosiddetto testamento olografo, che non necessità di null’altro se non la scrittura del foglio a mano del suo autore, la chiarezza del contenuto, la data e la firma al termine del documento.

Il testamento viene di norma custodito dallo stesso testatore o da un terzo da questi designato (anche un notaio). Sono possibili anche più copie, ma tutte devono essere in realtà degli originali, ossia dei documenti non fotocopiati ma scritti ex novo, datati e firmati, del medesimo contenuto.

Che valore ha un testamento al computer?

Proprio perché il testamento olografo deve essere fatto in casa, non è possibile redigere lo stesso tramite ricorso a un computer e una stampante, neanche se il foglio dovesse poi essere sottoscritto a mano e la firma autenticata dal notaio. Questo perché la concezione del testamento olografo, secondo l’intenzione del legislatore, è ancora quella di garantire la sua forma documentale, realizzata di pugno dal suo autore. Del resto, è la grafia la massima espressione dell’autenticità dello scritto: essa garantisce la possibilità di risalire inequivocabilmente al suo autore grazie a una perizia calligrafica, impedendo falsificazioni e alterazioni. Ragion per cui un testamento olografo senza l’«olografia», ossia la scrittura di pugno del suo autore, è nullo.

Che valore ha un testamento video?

Proprio per quanto si è appena detto, la legge non consente di realizzare neanche un testamento tramite video, per quanto non possano esservi incertezze sull’identità dell’autore e il file sia più difficilmente alterabile rispetto alla firma posta a tergo di una stampa fatta tramite computer.

Si può fare testamento su YouTube?

A migliorare le cose non basta neanche il fatto che il file video venga caricato su una piattaforma online come YouTube con tanto di certificazione, da parte della stessa, della data di creazione e dell’autore del file. Quindi, comunicare le proprie ultime volontà con un video su YouTube visibile a tutti – quindi indicizzato – o anche non “in elenco” (e quindi visibile solo a chi conosce l’url), non consente di ritenere di essere in presenza di un testamento olografo. Sarà quindi rimesso alla spontanea volontà degli eredi la volontà se dare attuazione o meno alla volontà espressa nel video. Ma, poiché la stessa non ha valore, qualora dovessero sorgere contestazioni tra gli eredi, si applicheranno le norme relative alla successione legittima, quella cioè che si applica in assenza di testamento o con testamento nullo o annullato.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube