Diritto e Fisco | Articoli

Gli avvocati under 50 e la pensione

31 Maggio 2022 | Autore:
Gli avvocati under 50 e la pensione

Conoscere per deliberare, una predica inutile perché i giovani non pensano alla pensione ma anche perché l’Italia non è un Paese per giovani.

Oggi, in Cassa Forense, si va in pensione di vecchiaia a 70 anni, con almeno 35 anni di contribuzione, o in pensione di vecchiaia anticipata con 65 anni e almeno 40 di anzianità contributiva, senza penalizzazioni. Quindi, l’avvocato under 50 ha davanti a sé almeno 15 o 20 anni di attività prima del pensionamento. Quindi, o 2042 o 2037.

A tale data la situazione di Cassa Forense è la seguente, tratta dalla pag. 286 del consuntivo 2021.

Dal 2041, il saldo previdenziale diventa negativo, vale a dire le entrate da contributi non sono sufficienti per pagare le pensioni.

Dal 2049, si negativizza anche il saldo gestionale, cioè il patrimonio non aumenta più e tali valori restano negativi sino al 2070 pur se, si stima, inizieranno a risalire rispettivamente dal 2061 e dal 2066.

E allora è lecito domandarsi: che pensione avranno gli avvocati under 50 anni di oggi?

Il futuro di tante coorti di avvocati dipende dal rendimento del patrimonio vale a dire dai mercati finanziari, sul quale, come scrive il Collegio sindacale: «grava l’ipoteca dei possibili grandi scossoni generati sui mercati, almeno nel breve periodo, dal conflitto bellico in corso e dai nuovi rapporti di forza connessi alle radicali trasformazioni geopolitiche» e, aggiungo io, anche dall’inflazione.

La tabella 5, di pag. 307 del consuntivo 2021, parla da sola con i numeri.

In conformità alla dottrina corrente, Cassa Forense ha aumentato l’esposizione negli alternativi illiquidi perché possono (non devono) generare ritorni superiori ai mercati quotati. Ed infatti l’esposizione in alternativi illiquidi è passata dal 6,86% del 2020 al 8,39% del 2021 distribuiti in private equity per il 3,36%, in private debit per l’1,38% e in infrastrutture per il 3,65% (Bilancio consuntivo 2021, pag. 310). Ad un maggiore rendimento corrisponde un rischio maggiore trasferito sugli iscritti. Intelligenti pauca!

Fonte: Diritto e Giustizia



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube