Diritto e Fisco | Articoli

Se non pago il bollo auto cosa succede

3 Giugno 2022
Se non pago il bollo auto cosa succede

Si può circolare se non si paga il bollo auto? A quanto ammontano le sanzioni e quali conseguenze scattano per chi è moroso. Il fermo auto e il pignoramento dei beni. 

Un nostro lettore ci ha chiesto: se non pago il bollo auto che succede? Spesso, si crede che chi non paga il bollo auto non possa circolare, così come avviene con l’assicurazione. Ma non è così. Il bollo è infatti solo un’imposta sul possesso del bene, così come lo è, ad esempio, l’Imu per gli immobili. E chi non versa le imposte sulla casa di certo vi può abitare, pur restando soggetto alle azioni esecutive del Comune. Ma allora, se non si paga il bollo auto cosa succede? Cerchiamo di chiarirlo qui di seguito. 

Quanto tempo per pagare il bollo auto?

Il bollo auto va pagato annualmente e in un’unica soluzione. La scadenza coincide con la fine del mese di immatricolazione del veicolo. È tuttavia prevista una tolleranza: si può cioè pagare, senza subire sanzioni, entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello in cui il bollo è dovuto.

Chi controlla il mancato pagamento del bollo auto?

Il bollo auto è un’imposta regionale, per quanto la normativa generale è dettata dallo Stato. Le Regioni sono quindi titolate alla riscossione del tributo. Fanno eccezione solo le Regioni Friuli Venezia Giulia e Sardegna, per le quali l’imposta è riscossa dall’Agenzia delle Entrate.

Cosa succede se si paga il bollo auto in ritardo?

La prima conseguenza per chi non paga il bollo auto entro i termini appena indicati è l’applicazione delle sanzioni tributarie. Si tratta di sanzioni di carattere amministrativo che fanno lievitare l’importo dovuto alla Regione o all’Agenzia delle Entrate. Chiaramente, più è esteso il ritardo, tanto maggiori saranno le sanzioni da versare. 

Quindi, chi non paga il bollo auto può continuare a circolare, né subirà multe stradali nell’ipotesi di eventuali controlli. Tantomeno gli saranno sottratti i punti dalla patente. Il bollo infatti è un rapporto di natura tributaria, non è una condizione per la circolazione del veicolo.

A quanto ammontano le sanzioni per chi non paga il bollo auto?

Abbiamo appena detto che l’omesso versamento del bollo auto determina solo sanzioni economiche che si sommano, chiaramente, all’imposta dovuta. In particolare:

  • chi paga il bollo entro i primi 14 giorni oltre la scadenza della tolleranza, subisce una sanzione dello 0,1% per ogni giorno di ritardo. Pertanto, chi adempie al quattordicesimo giorno dovrà versare una sanzione dell’1,4%;
  • chi paga il bollo dal 15° al 30° giorno dopo la scadenza, subisce una sanzione pari all’1,5%;
  • dal 30° al 90° giorno la sanzione è dell’1,67%;
  • dal 90° giorno a 1 anno la sanzione è del 3,75%.

Una volta scaduto l’anno utile per il ravvedimento operoso, la sanzione per l’omesso versamento del bollo auto è pari al 30% dell’importo dovuto più un interesse dello 0,5% per ogni sei mesi di ritardo.

Cosa si rischia se non si paga il bollo auto?

Quando non si paga il bollo auto si riceve un avviso di accertamento da parte dell’ente titolare del credito che, come abbiamo visto, può essere tanto la Regione quanto l’Agenzia delle Entrate.

L’atto viene notificato a mezzo raccomandata o consegnato a mani da un messo notificatore.

Il contribuente ha 60 giorni di tempo per pagare o fare ricorso, nell’ipotesi in cui ritenga l’importo non dovuto (ad esempio, perché già corrisposto o riferito a un periodo in cui l’auto era già stata venduta o rottamata). Il giudice competente per il ricorso è la Commissione Tributaria Provinciale.

Alla scadenza dei sessanta giorni, l’ente titolare del credito iscrive a ruolo il proprio credito incaricando l’Agente per la Riscossione esattoriale di procedere a recuperare coattivamente le somme. Ciò non avviene quasi mai immediatamente: a volte, passano mesi se non anni.

L’Esattore, a questo punto, notifica la famigerata cartella esattoriale con cui ingiunge il pagamento del bollo, delle sanzioni e degli interessi nel frattempo maturati. 

Entro 60 giorni dalla notifica della cartella, è possibile fare ricorso laddove si ritenga l’importo non dovuto. Il ricorso va presentato, anche in questo caso, presso la Commissione Tributaria Provinciale. Attenzione però: i motivi del ricorso non possono più riguardare la debenza del tributo ma devono riguardare fatti successivi alla notifica dell’accertamento (ad esempio l’intervenuta prescrizione, l’omessa notifica dell’avviso di accertamento, l’avvenuto pagamento, la pendenza di un ricorso che abbia sospeso l’obbligo di pagamento).

Una volta che l’Agente per la riscossione esattoriale ha notificato la cartella e questa è diventata definitiva perché non opposta, né pagata nel termine dei 60 giorni appena visti, il contribuente è soggetto alle azioni esecutive e cautelari. In particolare, egli può essere destinatario di: 

  • un pignoramento dei beni (ad esempio il conto corrente, il quinto dello stipendio o della pensione) 
  • un fermo amministrativo del veicolo. 

Il tutto per un importo pari al bollo non pagato comprensivo delle sanzioni e degli interessi maturati.

Il fermo auto deve essere anticipato da un preavviso di almeno 30 giorni per dare il tempo al contribuente di pagare o di chiedere una rateazione (che eviterebbe il fermo). In alternativa, il contribuente potrebbe dimostrare che il veicolo è strumentale all’attività d’impresa o professionale: in tal caso, il fermo non verrà iscritto. Tuttavia, è necessario che il veicolo sia iscritto nel libro dei beni ammortizzabili.

La polizia può elevare la multa se non pago il bollo auto?

I controlli per l’omesso versamento del bollo auto non vengono eseguiti dalla polizia stradale poiché, come si è detto, il versamento dell’imposta non è una condizione per la circolazione ma solo un adempimento fiscale. A ben vedere, la polizia non ha neanche accesso ai terminali ove è indicata l’eventuale morosità del contribuente. 

Le sanzioni per l’omesso versamento dunque competono solo alla Regione o, per le Regioni Friuli Venezia Giulia e Sardegna, all’Agenzia delle Entrate.

Qual è la prescrizione del bollo auto?

Il bollo auto si prescrive dopo 3 anni che decorrono dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui l’imposta doveva essere versata. Il termine viene interrotto dalla notifica dell’avviso di accertamento e inizia a decorrere da capo a partire dal giorno successivo.

La notifica della cartella esattoriale interrompe il temine di prescrizione del bollo auto, per farlo decorrere nuovamente da capo. Anche la cartella per il bollo auto non pagato si prescrive dopo tre anni, ma in questo caso il termine inizia a decorrere dal giorno successivo alla notifica della cartella stessa.  



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube