Business | Articoli

Per le PMI tempo fino al 30 giugno per chiedere la moratoria sui debiti

22 Marzo 2013
Per le PMI tempo fino al 30 giugno per chiedere la moratoria sui debiti

Prolungato il termine per chiedere agli istituti di credito le agevolazioni previste dall’accordo ABI

In una nota diffusa ieri, l’ABI [1] ha comunicato che il termine per chiedere la moratoria per le PMI in difficoltà è stato prorogato al 30 giugno.

Per il tramite di questo accordo, le piccole e medie imprese possono chiedere la sospensione del pagamento dei finanziamenti concessi dalle banche o altri istituti di credito per quanto riguarda mutui, contratti di leasing, anticipazioni bancarie o anche chiedere finanziamenti purché collegati a nuovi apporti di mezzi propri.

L’accordo siglato dall’ABI nel 2012 (“Nuove misure per il credito alle PMI”) [2] rappresenta un’ottima occasione per chi si trova in difficoltà nel far fronte ai propri impegni finanziari a causa dell’attuale congiuntura economica.

La proroga si è resa necessaria – spiega l’ABI – per agevolare le imprese in crisi che ancora non hanno usufruito di tale tipo di agevolazione, permettendo loro di far fronte agli impegni finanziari con gli istituti di credito finché non verranno definite nuove iniziative a sostegno del credito alle imprese.

Di questo, l’Associazione rappresentante delle banche se ne sta occupando con le associazioni di categoria imprenditoriali per stabilire le linee guida da adottare per nuovi strumenti economici che aiutino le aziende, anche in considerazione dell’entrata in vigore degli stringenti criteri di accesso al credito fissati dalla riforma del sistema bancario Basilea [3].

di FRANCESCO BURZA


note

[1] Associazione Bancaria Italiana.

[2] Il testo dell’accordo

[3] Insieme di provvedimenti di riforma, predisposto dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria al fine di rafforzare la regolamentazione, la vigilanza e la gestione del rischio del settore bancario.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube