Diritto e Fisco | Articoli

Tradimento reciproco: addebito al primo in caso di separazione

13 Ottobre 2014
Tradimento reciproco: addebito al primo in caso di separazione

Le corna possono essere giustificate: lui tradisce lei, lei tradisce lui, ma quella della donna è una reazione: rottura del matrimonio addebitabile all’uomo.

Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria” recita la terza legge della dinamica. E le cose – si sa – vanno così anche quando si ha a che fare con marito e moglie, specie in momenti di crisi. Perché, se è vero che, in caso di comportamenti contrari ai doveri del matrimonio (per esempio, una condotta fedifraga), laddebito per la separazione viene imputato ad entrambi i coniugi (come dire che la partita finisce 1 a 1), non sempre le cose stanno così.

Talune volte, capita infatti che il comportamento illecito di uno dei due sposi sia solo la reazione all’offesa ricevuta dall’altro. E allora, il giudice dovrà stabilire quale delle due condotte abbia dato causa all’altra o, detto in parole ancora più povere, se sia stato il marito o la moglie a iniziare per primo le ostilità, generando, così, la reazione dell’altro.

Un’ordinanza della Cassazione pubblicata poche ore fa [1] ha proprio chiarito questo aspetto: se la relazione extraconiugale di uno dei due coniugi è servita a dare il “la” alla crisi della coppia, è a quest’ultimo che va imputato l’addebito per la separazione e non, invece, a entrambi. Nel caso deciso dalla Corte, infatti, il tradimento messo in atto dalla moglie era stato semplicemente una reazione alla relazione extraconiugale già iniziata, tempo prima, dal marito. Logico, quindi, durante la separazione della coppia, optare per l’addebito a carico del marito .

Corna” giustificate, dunque, in determinati casi. È fondamentale, però, prima di tutto, determinare quale peso specifico abbia avuto il comportamento dell’uno dei due sull’altro e quanto sia stato decisivo a determinarne la reazione. Insomma, bisogna appurare con precisione la relazione di causa-effetto tra l’illecito del primo e l’illecito del secondo.


note

[1] Cass. ord. n. 21596/14 del 13.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube