Diritto e Fisco | Articoli

La sanatoria estingue l’abuso edilizio ma non la normativa antisismica

13 Ottobre 2014
La sanatoria estingue l’abuso edilizio ma non la normativa antisismica

Il rilascio della concessione in sanatoria non cancella illeciti differenti dalla tutela del territorio come l’inosservanza della normativa prevista per le zone a rischio terremoto.

La concessione in sanatoria estingue solo il reato di abuso edilizio,ma non le violazioni della normativa antisismica. Lo ha detto la Cassazione con una sentenza di poche ore fa [1].

Secondo la Corte, in caso di inosservanza delle regole dettate per costruire in zone a rischio terremoto non si può applicare la disciplina relativa alla richiesta di sanatoria [2]. E ciò perché si tratta di illeciti completamente diversi, pur nello stesso ambito dell’edilizia.

Senza dubbio chi compie un abuso edilizio può contestualmente infrangere anche la normativa antisismica; ma, in caso di quest’ultima violazione non si può invocare la richiesta di rilascio in sanatoria del permesso di costruire; quest’ultima, infatti, estingue i reati contravvenzionali previsti dalle norme urbanistiche vigenti. Si tratta infatti di una disposizione che risulta riferita alle sole norme che regolano l’assetto del territorio sotto il profilo edilizio.

Detto in parole ancor più semplici, il rilascio della concessione in sanatoria che il responsabile dell’abuso ottiene dall’amministrazione determina l’estinzione dei soli reati contravvenzionali previsti dalle norme urbanistiche vigenti; non può invece riguardare le contravvenzioni previste dal testo unico sull’edilizia relative alla costruzioni antisismiche [3]: queste ultime riguardano sempre illeciti che scaturiscono da costruzioni fuori legge ma hanno comunque un’oggettività giuridica diversa rispetto a quella della mera tutela urbanistica del territorio assicurata dalle norme che sanzionano chi non ha il permesso di costruire.


note

[1] Cass. sent. n. 42550/14 del 13.10.2014.

[2] Art. 45 T.U. Edilizia, Dpr n. 380/2001.

[3] Artt. 94 e 95 del Dpr 380/01.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube