Diritto e Fisco | Articoli

Chi chiede la rateazione non può più opporsi al pignoramento o al fermo

13 Ottobre 2014
Chi chiede la rateazione non può più opporsi al pignoramento o al fermo

Legittimo il fermo amministrativo quando il contribuente interrompe il pagamento delle rate: la richiesta di dilazione testimonia l’acquiescenza del contribuente alla pretesa tributaria.

Attenzione a chiedere la rateazione del debito con Equitalia solo per prendere tempo o, magari, senza aver prima fatto i conti con il proprio portafoglio e l’effettiva possibilità di adempiere regolarmente al piano concordato. Infatti, in caso di decadenza dal beneficio della dilazione – che, con le ultime modifiche legislative, scatta dopo il mancato versamento di otto rate anche non consecutive – non si può più impugnare l’eventuale azione esecutiva intrapresa dall’agente della riscossione o il preavviso di fermo auto o di ipoteca.

Difatti, salvo far valere “vizi propri” di tali atti (per esempio, il difetto di notifica del preavviso di fermo/ipoteca o la non corretta indicazione delle cartelle o l’eventuale prescrizione), il contribuente che faccia istanza per pagare a rate dimostra acquiescenza alla pretesa dell’ente impositore. In altre parole, egli ammette di essere debitore di quella somma e si dichiara disposto a pagarla.

A dirlo è una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale di Roma [1].

Con l’accordo tra fisco (rappresentato dall’Agente della riscossione, ossia Equitalia) e il contribuente, si crea una sorta di reciproco consenso: da un lato il primo rinuncia alle azioni esecutive e alla immediata riscossione; dall’altro il secondo accetta il proprio debito e si impegna a pagarlo in rate. Dunque, dopo tale ammissione di debito, non si può strumentalmente impugnare l’eventuale esecuzione forzata o la misura cautelare (fermo o ipoteca) appellandosi a vizi delle cartelle esattoriali (come, ad esempio, la non corretta notifica delle stesse o l’assenza di debito): sarebbe un comportamento contraddittorio che i giudici, aderendo all’orientamento qui riportato, rigetteranno di sicuro. Insomma, conviene pagare.


note

[1] CTR Roma, sent. n. 5081/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube