Diritto e Fisco | Articoli

Internet, pubblicata la bozza dei diritti degli utenti

14 Ottobre 2014
Internet, pubblicata la bozza dei diritti degli utenti

Parte la consultazione pubblica della dichiarazione dei diritti sul web: aperta a tutti i cittadini la possibilità di suggerire contributi.

Il sito della Camera dei Deputati ha finalmente pubblicato il primo testo ufficiale, mai partorito dal nostro Stato, relativo alla Dichiarazione dei diritti fondamentali su Internet per gli utenti che navigano in rete. Una svolta epocale che ci allinea sulla scia di quei (pochi) Stati che hanno voluto dare al web una propria “magna carta”.

Diritto all’accesso, alla sicurezza, all’anonimato e all’oblio e inviolabilità dei dati. Sono questi i punti fondamentali della Dichiarazione dei diritti in Internet elaborata dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet di Montecitorio, la cui bozza è stata presentata ieri alla Camera nel corso della riunione interparlamentare sui diritti fondamentali, con la partecipazione di rappresentanti dei Parlamenti di tutti e 28 gli Stati membri dell’Ue.

Il documento che l’Italia propone all’Europa è composto da un preambolo e 14 articoli. Il testo parte dal presupposto che la rete deve essere considerata una risorsa globale e universale, senza dimenticarne l’importanza come spazio economico, alla quale tutti devono poter aver accesso vedendo rispettati i propri diritti. I primi tre articoli riguardano il riconoscimento e la garanzia dei diritti, il diritto di accesso e la neutralità della rete.

Alla stesura finale del provvedimento potranno contribuire tutti i cittadini, con commenti e suggerimenti online, dal 27 ottobre e per quattro mesi.

Per conoscere in modo più approfondito il contenuto della dichiarazione, leggi “Internet: la dichiarazione dei diritti tra poche ore“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube