Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono i reati più denunciati in Italia al 2014

14 Ottobre 2014
Quali sono i reati più denunciati in Italia al 2014

Furto, truffe, ma anche i nuovi reati come i crimini informatici; sempre alte le violenze sessuali.

 

L’Istat ha pubblicato la sua annuale relazione dal titolo “L’Italia in cifre”. L’edizione 2014, così come le precedenti, è un’analitica vivisezione degli aspetti che caratterizzano il nostro Paese: dal territorio, all’ambiente, dalla popolazione alla salute e sanità, per continuare con il lavoro, l’istruzione, la giustizia, i giovani, la previdenza, la cultura, l’economia, i prezzi, ecc.

Uno dei capitoli più interessanti è quello che attiene ai delitti denunciati dalle forze di polizia all’autorità giudiziaria. L’elenco offre uno spaccato di quelli che sono i crimini maggiormente commessi e denunciati nel nostro Paese.

Al primo posto, così come era stato già negli anni passati, c’è il reato di furto (ben 1.520.623 casi). Tra appartamenti, automobili, portafogli e beni di consumo (come cellulari) è il crimine preferito dai malviventi. Seguono, sulla distanza, i casi di danneggiamento con 364.000 casi.

Truffe e frodi informatiche sono al terzo posto con ben 116.767 denunce, seguite da minacce e lesioni.

Purtroppo un numero ancora elevato è segnato dalle violenze sessuali ai danni di donne e bambini. Mentre farà piacere sapere che il numero di omicidi conferma che si tratta del reato meno “gettonato”.

Per leggere la statistica completa, clicca sull’immagine qui in basso.

>> Clicca sull’immagine per ingrandire e leggere la statistica <<

Quali sono i reati piu denunciati in Italia al 2014


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube