Cronaca | News

Di Maio annuncia l’apertura di un ufficio a Kiev

9 Giugno 2022
Di Maio annuncia l’apertura di un ufficio a Kiev

L’Ocse aprirà un ufficio in Ucraina al fine di sostenere e finanziare il Paese durante i futuri mesi di conflitto armato. 

Se la montagna non va da Maometto, come si suol dire, Maometto va dalla montagna. E così poco fa il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, dopo il tanto fallito quanto acquoso piano per la risoluzione del conflitto Russia-Ucraina in quattro tappe avanzato dall’Italia, ha annunciato che l’Ocse aprirà un ufficio proprio nel cuore dello scontro armato con l’obiettivo di intervenire per trovare il modo di sostenere la Nazione, sempre più provata dalla guerra.

«Sotto la presidenza italiana della riunione ministeriale, abbiamo deciso che l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) aprirà un ufficio a Kiev con il quale intende coordinare, in maniera sistematica, con l’Ucraina politiche di sostegno finanziario, legate al supporto alla popolazione ed alla ricostruzione nei prossimi anni». È quanto dichiarato da Di Maio, a margine della Ministeriale Ocse.

«I negoziati sono fondamentali e noi sosteniamo tutti gli sforzi negoziali. Abbiamo sostenuto e continueremo a sostenere la Turchia, abbiamo chiesto all’India di farsi interprete di promuovere il dialogo tra le due parti, soprattutto di portare Putin al tavolo. Abbiamo anche sollecitato la Cina ad avere un ruolo proattivo rispetto alla pace».

L’ex leader pentastellato ha poi aggiunto: «Se non ripartono i negoziati, Mosca continuerà a creare pesante instabilità nel mondo dal punto di vista economico, finanziario e della sicurezza alimentare».

«Dobbiamo fare in modo che questa guerra si fermi il prima possibile con una pace non imposta, ma una pace che parta dalle esigenze dell’Ucraina».

In merito alla possibilità di usufruire di Sure (strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione in un’emergenza) per far fronte alla crisi economica, utilizzato dall’Ue durante la pandemia, il ministro non ha escluso nulla. «Sure può essere sicuramente uno degli strumenti, che come ci ha aiutato durante la pandemia, possiamo utilizzare per affrontare la crisi economica che deriva dall’aggressione russa all’Ucraina. Può essere uno strumento per aiutare le famiglie italiane ed europee ad affrontare la perdita di potere d’acquisto causata dall’inflazione», che è legata all’aumento dei costi dell’energia, ha proseguito il titolare della Farnesina, auspicando un «lavoro collegiale» a livello europeo per fare in modo che la guerra «non provochi difficoltà pesanti per famiglie e imprese».

Di Maio si è quindi detto «assolutamente d’accordo» con il premier Mario Draghi «quando dice che il tetto massimo al prezzo del gas europeo non è solo un modo per ridurre gli effetti della guerra per i costi delle famiglie, ma anche un modo per ridurre l’inflazione».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube