Lifestyle | Articoli

I siti di escort sono legali?

7 Giugno 2022
I siti di escort sono legali?

Chi crea o gestisce un portale di escort commette un illecito?

C’era un tempo in cui gli annunci di escort venivano stampati sui giornali cartacei. Oggi, sappiamo che i giornali hanno perso molto dell’appeal che avevano, grazie all’arrivo della rete. Anche gli annunci erotici, quindi, come gran parte della pubblicità in generale, si sono spostati sul web. Non è raro trovare banner pubblicitari di siti di escort oppure guide e siti di recensioni. I più visitati e utilizzati, come ad esempio Escort4you.XXX, forniscono agli utenti un modo sicuro e rapido di trovare compagnia, offrendo anche recensioni certificate. Ma cosa dice la legge a riguardo? I siti di escort specializzati sono legali? È legale visitarli o gestirli? Vediamo tutte le specifiche del caso.

La prostituzione e lo sfruttamento in Italia

Cominciamo col dire che in Italia la prostituzione è legale, come anche è legale la pubblicità. Si configura invece il reato di sfruttamento della prostituzione quando qualcuno lucra dall’attività di qualcun altro. Lo stesso discorso vale per esempio per un locatario che affitta un appartamento ad una escort ad un prezzo maggiore rispetto a quello di mercato, generando così una partecipazione agli utili della escort. Anche chi accompagna quotidianamente una escort sulla strada commettere reato, poiché agevola l’attività di prostituzione. Ovviamente, non vale questo principio se un cliente dà un passaggio alla escort o alla prostituta.

I siti web di escort

Come funziona invece per i siti di escort? Chi crea o gestisce un sito di escort non commette alcun illecito, a meno che insieme a tale attività non svolga anche servizi ulteriori come convenzioni con alberghi e appartamenti, oppure book fotografici e simili. La sola attività di gestione del sito web, invece, è completamente legale, come ovviamente anche la navigazione sui siti di escort.

Le escort sono libere e autonome nella registrazione al portale e possono decidere di rimuovere il profilo quando preferiscono. E i banner sui siti web che pubblicizzano i siti di escort? In quel caso, l’introito che il gestore del sito raccoglie grazie ai banner non rientra nello sfruttamento della prostituzione, bensì, come stabilito dalla Cassazione (Cass. pen., Sez. 3, n. 26343 del 18 marzo 2009), in un semplice “servizio in favore della persona”, come un qualsiasi annuncio sui giornali cartacei. Dunque, anche la predisposizione degli spazi su un sito web non è reato, ma un semplice ritorno economico non legato a ciò che il banner pubblicizza.

Un’altra sentenza riguardo i siti di escort (sentenza 12 gennaio-2 febbraio 2012, n. 4443) stabilisce che si configura il reato di favoreggiamento della prostituzione se alla semplice e legale pubblicazione degli annunci «si aggiunga una cooperazione tra soggetto e prostituta, concreta e dettagliata, ai fine di allestire la pubblicità della donna … evidentemente per rendere più allettante l’offerta e per facilitare l’approccio col maggior numero di clienti, cooperazione esplicantesi nell’organizzare servizi fotografici nuovi, sottoponendo le donne a pose erotiche, ponendo in essere una collaborazione organizzativa al fine di realizzare il contatto prostituta-cliente».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube