Diritto e Fisco | Editoriale

Conto cointestato pignorato: Equitalia evade il limite del 50%

15 Ottobre 2014 | Autore:
Conto cointestato pignorato: Equitalia evade il limite del 50%

Altro che metà: alla banca e alla posta lo Stato riesce a pignorare ben oltre quanto gli spetterebbe.

Succede di tutto quando la legge lascia “buchi” privi di regolamentazione (cosiddette “lacune normative”). E la cosa peggiore è che, spesso, ad approfittarne sono proprio le amministrazioni o, comunque, gli enti che dovrebbero rappresentare la legalità. Tra questi, purtroppo, Equitalia. Non è, infatti, per caso, che questo portale si è più volte schierato dalla parte del cittadino, spiegando come approntare le proprie (legittime) difese.

Leggi: 9 trucchi per impugnare una cartella di pagamento Equitalia

In particolare, i problemi principali si pongono quando la procedura di pignoramento tocca il conto corrente. Lo abbiamo constatato, amaramente, in passato quando ci siamo accorti che Equitalia ha, di fatto, superato il limite del tetto pignorabile del “quinto” dello stipendio (leggi: “Abolito di fatto il limite del quinto pignorabile”), situazione alla quale abbiamo già fornito una soluzione di difesa (leggi: “Pignoramento Equitalia: recuperare i 4/5 del conto corrente bloccato”).

Ma la casistica delle illiceità non finisce qua e – complice l’esperienza di vita vissuta all’interno dello studio legale – ci siamo accorti che Equitalia riesce a eludere un altro divieto posto dalla normativa sui pignoramenti, quello del tetto massimo del 50% in caso di conti correnti cointestati. In pratica, l’Agente per la riscossione, con un artificio piuttosto lungo (ma non complesso), arriva a pignorare ben più della metà del conto bancario, sebbene questo appartenga anche ad altre persone che con Equitalia non hanno nulla a che fare.

Vediamo come.

Cosa dice la legge

Quando c’è da pignorare un conto corrente, Equitalia ricorre a una procedura speciale, di tipo “stragiudiziale”, [1] che le consente, cioè, di evitare il procedimento davanti al tribunale (giudice dell’esecuzione). In particolare, l’Agente per la riscossione, con un ordine impartito alla banca o alla Posta, si fa pagare direttamente le somme depositate sul conto, senza passare da un’udienza.

Quando però il conto corrente è cointestato, tale procedura non è più possibile. Difatti, se il conto appartiene a due soggetti, di cui uno solo è il debitore, è possibile pignorare soltanto il 50% (presumendosi che l’altra metà appartenga al cointestatario non debitore). Proprio per tale ragione, e per evitare abusi, la legge prescrive che, nei casi in cui il conto sia intestato anche a soggetti diversi dal debitore, Equitalia non possa procedere con l’ordine diretto alla banca o alla posta, ma debba passare – come vuole la regola generale per tutti i privati – da un’udienza e davanti a un giudice. A quest’ultimo, infatti, compete di assegnare le somme fino a massimo il 50%.

Se a seguito di tale assegnazione, il credito di Equitalia risulta integralmente soddisfatto, tutto finisce qui. Ma se, invece, Equitalia non ha riesce a ottenere la somma integrale per la quale agiva, rimanendo quindi creditrice, potrà procedere nuovamente contro il debitore. Attenzione però: potrà attivare altri tipi di pignoramento, ma giammai, di nuovo,il pignoramento in banca. E ciò perché – sebbene non lo dica espressamente la legge – si finirebbe per andare a pignorare più del 50% del deposito.

Un esempio chiarirà meglio la questione.

Mettiamo che “A” sia debitore di Equitalia per 5.000 euro. “A” ha un conto corrente cointestato con “B” presso la banca. Equitalia procede a pignorare il conto corrente per la misura del proprio credito (euro 5.000). Il giudice assegna ad Equitalia la somma di 2.500 euro, ossia la metà di 5.000 euro, e ciò perché l’altra metà del conto appartiene a “B”, il quale non è debitore di Equitalia.

A questo punto Equitalia rimane insoddisfatta per 2.500 euro ed è libera di intraprendere nuovi pignoramenti contro “A”. Ma, invece, di procedere per esempio con un pignoramento dei beni mobili o immobili, finisce per pignorare nuovamente il conto corrente. E di nuovo, si andrà dal giudice che, a fronte di un credito residuo di 2.500 euro vantato da Equitalia, le assegna il 50%: ossia 1.250 euro.

In questo modo, sommando i due pignoramenti, Equitalia è riuscita ad ottenere ben più del 50% del conto: il 75% (2.500 euro con il primo pignoramento e 1.250 con il secondo pignoramento).

È chiaro che un comportamento di questo tipo, seppur formalmente corretto, nella sostanza è illegittimo, in quanto mira ad aggirare un divieto legale. Inoltre, ripetendo all’infinito tale escamotage, si finisce per pignorare il 100% del conto corrente, anche quindi quel 50% che appartiene al cointestatario.

Come ci si difende?

Si potrà fare opposizione all’esecuzione, costituendosi con il proprio avvocato e facendo presente al giudice che il conto corrente è stato già oggetto di un primo pignoramento e che, pertanto, non può essere più toccato.

Ma che succede se, tra il primo e il secondo pignoramento, sono state accreditate altre somme?

La nostra interpretazione è di ritenere pignorabili solo le ultime somme depositate, e comunque pur sempre nei limiti del 50%. Anche in questo caso, procedendo per come sopra descritto, bisognerà effettuare una opposizione all’esecuzione e, con gli estratti conto alle mani, dimostrare al giudice che, fermo restando il residuo 50% non pignorabile perché appartenente al cointestatario, è possibile prelevare solo il 50% delle nuove somme depositate.


note

[1] Art. 72bis PR 602/73.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube